cerca CERCA
Domenica 23 Gennaio 2022
Aggiornato: 18:58
Temi caldi

Calcio: Baldissoni, De Rossi-Icardi? Non e' successo nulla

07 marzo 2014 | 18.31
LETTURA: 2 minuti

''Non è successo assolutamente nulla e non si tratta di un atto violento''. Mauro Baldissoni, direttore generale della Roma, motiva così il ricorso che la società giallorossa ha presentato alla Corte federale della Figc contro la squalifica di 3 giornate comminata a Daniele De Rossi. Il centrocampista è stato punito, dopo il ricorso alla prova tv, per il pugno rifilato a Mauro Icardi nella sfida pareggiata 0-0 con l'Inter sabato scorso.

''Non ci sembra che sia applicabile la prova tv perché il fatto è avvenuto sotto gli occhi di ben tre arbitri, l'arbitro, l'addizionale e l'assistente che guardavano al centro dell'area. Non si può dire che non abbia visto, al massimo ha visto male ma lì si parlerebbe di moviola e non di prova tv'', dice Baldissoni rispondendo alle domande dei cronisti. ''In realtà l'arbitro Bergonzi ha visto benissimo, non è successo assolutamente nulla e non si tratta di un atto violento. Non si può parlare di atto violento da un frame di un replay televisivo. Icardi non si è nemmeno accorto del colpo,è la prova che non si tratta di atto violento. Questa è la nostra linea'', prosegue.

''Lo scorso anno, nel derby, un altro episodio ha coinvolto De Rossi e Mauri -ricorda Baldissoni-. La società, in quel caso, non ha fatto ricorso perché sapevamo come la sanzione fosse giusta, e lo sapeva anche il giocatore. Questo non è il caso, perciò siamo qui. Nell'azione con Icardi, De Rossi tentava di sbracciare per riprendere posizione in una situazione chiarissima di gioco che, non a caso, non è stata sanzionata da tre arbitri che stavano guardando lì''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza