cerca CERCA
Domenica 13 Giugno 2021
Aggiornato: 19:27
Temi caldi

Camera, Andrea Mandelli eletto vicepresidente

10 marzo 2021 | 19.09
LETTURA: 2 minuti

Con 248 voti. All'Adnkronos: "Grande emozione per me, non me l'aspettavo proprio''

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma)

Andrea Mandelli, di Forza Italia, è stato eletto vicepresidente della Camera con 248 voti, in sostituzione della collega di partito Mara Carfagna, dimessasi dopo la nomina a ministra per il Sud. Voti anche per altri tre deputati di Fi: Annagrazia Calabria, 120; Simone Baldelli, 13; Stefania Prestigiacomo 8. I voti dispersi sono stati 37, le schede bianche 40, le nulle 5. Presenti e votanti 471.

"E' stata una giornata piena di emozioni, ringrazio tutti, innanzitutto il presidente Berlusconi, e tutti i colleghi che mi hanno supportato...'', dice Mandelli.

Forza Italia esulta, per la riconferma di un casella che faceva gola anche a Lega e Pd. Classe '62, da Monza, laurea in Farmacia, già senatore azzurro nella scorsa legislatura per 5 anni, dal 2018 deputato, Mandelli è responsabile Salute del partito nonché presidente dell'Ordine nazionale dei farmacisti.

Il suo nome era circolato anche per un posto di sottosegretario e come capogruppo proprio a Montecitorio, poi è nelle ultime 24 ore si è trasformato nel candidato forte del Cav per il 'dopo Carfagna'. La sua elezione non è stata una passeggiata, più che altro per i malumori interni da parte di quei forzisti che puntavano a una donna nel rispetto del principio delle quote rosa e che contestavano il metodo della scelta, senza cioè un confronto aperto tra i deputati. Alla fine l'ha spuntata lui, con 248 sì, un consenso trasversale, ma anche l'azzurra Annagrazia Calabria, pur non essendo ufficialmente in corsa per il movimento forzista, se l'è cavata bene con 120 voti.

''Sicuramente è una grande emozione per me, non me l'aspettavo proprio'', confida all'Adnkronos Mandelli, diventato in pochi anni uno dei fedelissimi di Arcore (di casa a Villa Gernetto, dove già dal 2015 presentava al Silvio Berlusconi manager, professionisti e civici per individuare nuovi volti da candidare nelle liste forziste) ha avuto anche la mission nel 2019 di lanciare 'Altra Italia' in ogni Regione e Comune.

Ha sentito dei maldipancia nei suoi confronti? ''Dobbiamo guardare al futuro, non al passato", taglia corto il deputato brianzolo che aggiunge: ''Ora, come dice il presidente Berlusconi, stringiamoci tutti attorno al tricolore e pensiamo a risolvere i problemi dei cittadini, quelli di salute innanzitutto, e anche quelli di carattere economico causa Covid''.

Molto riservato, poche parole con la stampa, Mandelli dice di aver sentito Berlusconi appena dopo la sua nomina: ''E' la prima telefonata che ho fatto da neo vicepresidente. L'ho chiamato io per ringraziarlo e per dirgli: 'eccomi qui, sono pronto a fare quel che è necessario per il partito in questo ruolo...''.

Il responsabile Salute di Fi, che su incarico di Berlusconi ha istituito un gruppo di lavoro per un Piano vaccini del partito, assicura che sarà un vicepresidente super partes: ''Non ho mai visto nessun collega presiedere la Camera con una maglietta addosso... Sono ancora frastornato da quando accaduto, sto cercando di mettere ordine alle tante emozioni di una giornata complicata. Mi sento sulle spalle tutta la responsabilità di questo incarico".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza