cerca CERCA
Lunedì 21 Giugno 2021
Aggiornato: 14:58
Temi caldi

Cantone: "Codice appalti ora figlio di nessuno"

06 giugno 2019 | 12.24
LETTURA: 3 minuti

Relazione annuale dell'Autorità Anticorruzione: "Quanto accaduto su quel testo non ha molti precedenti nella storia del Paese"

alternate text
Raffaele Cantone (FOTOGRAMMA)

Sui contratti pubblici, "tema particolarmente caldo, da cui evidentemente non ci si può esimere, l’Anac resta l’autorità di vigilanza del settore". Così il presidente dell'Anticorruzione Raffaele Cantone, nel suo intervento in occasione della relazione annuale dell'Autorità alla Camera. "Non avrebbe senso, però, parlarne astraendosi dal dibattito pubblico e dalle polemiche - sottolinea - che hanno investito, nell’ultimo periodo, il codice varato nel 2016 , per recepire, è bene ricordarlo, le direttive comunitarie in materia".

"Non credo di sbagliare nel dire che quanto accaduto su quel testo non ha molti precedenti nella storia del nostro Paese: adottato con grandi auspici e senza nemmeno particolari contrarietà, da un giorno all’altro - afferma - è diventato figlio di nessuno e soprattutto si è trasformato nella causa di gran parte dei problemi del settore e non solo. E' innegabile che da quell’articolato sono derivate delle criticità, ma ciò è dovuto soprattutto al fatto che è stato attuato solo in parte, mentre i suoi aspetti più qualificanti (la riduzione delle stazioni appaltanti, i commissari di gara estratti a sorte, il rating d’impresa) sono rimasti sulla carta".

"Fra l’altro, dopo un periodo di calo, anche fisiologicamente collegato alle novità, negli ultimi due anni il mercato si è ripreso e le procedure sono aumentate".

Inoltre, "su alcuni aspetti specifici del decreto , tuttavia, qualche rilievo s'impone. Seppure opportunamente ridimensionata rispetto ai 200mila euro del testo originario, la previsione di una soglia abbastanza alta (150mila euro) entro la quale adottare una procedura molto semplificata (richiesta di soli tre preventivi) aumenta certamente il rischio di scelte arbitrarie, se non di fatti corruttivi" ha sottolineato Cantone.

"Alcune opzioni, poi (il ritorno dell'appalto integrato, l'aumento della soglia dei subappalti al 40%, la possibilità di valutare i requisiti per la qualificazione delle imprese degli ultimi 15 anni, le amplissime deroghe al codice concesse ai commissari straordinari), paiono troppo attente all'idea del 'fare' piuttosto che a quella del 'far bene'. La sospensione dell'albo dei commissari di gara per un biennio, infine, introdotta in uno degli ultimi emendamenti, - ha detto - proprio quando questa novità stava per partire, rischia di incidere su un momento topico della procedura, facendo venir meno un presidio di trasparenza, oltre che rendere inutile il cospicuo investimento economico (500mila euro circa) che l'Autorità ha sostenuto per applicare la disposizione".     

"Il giudizio complessivo sull'impianto resta, però, sospeso anche in attesa che si completi l'iter legislativo della conversione e soprattutto dell'approvazione della legge delega. Un solo suggerimento sia, però, consentito: il settore degli appalti ha assoluto bisogno di stabilità e certezza delle regole e non di continui cambiamenti che finiscono per disorientare gli operatori economici e i funzionari amministrativi".

L'Anac, "se ci sarà richiesto, farà comunque la propria parte in leale collaborazione con esecutivo e Parlamento, come ha già cominciato a fare designando, su richiesta del ministro delle Infrastrutture, un proprio componente per il tavolo di lavoro che si sta occupando della scrittura del regolamento".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza