cerca CERCA
Giovedì 21 Ottobre 2021
Aggiornato: 00:00
Temi caldi

Caos procure, lascia il pg Fuzio

04 luglio 2019 | 19.52
LETTURA: 3 minuti

Il procuratore generale della corte di Cassazione è andato dal capo dello Stato per comunicargli la propria decisione di essere collocato a riposo anticipato. Ermini e Mammone: "Grazie per alto senso di responsabilità"

alternate text
Riccardo Fuzio (Foto Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Riccardo Fuzio lascia la magistratura con un anno di anticipo. Oggi, alle ore 17, si è riunito il comitato di presidenza del Consiglio superiore della magistratura: il procuratore generale della corte di Cassazione ha riferito che nella mattinata odierna è andato dal capo dello Stato per comunicargli la propria decisione di essere collocato a riposo anticipato.

Il vicepresidente e il primo presidente della corte di Cassazione in considerazione della unicità ordinamentale della funzione esercitata dal Procuratore generale in ambito disciplinare e quale componente di diritto del Consiglio superiore della magistratura hanno chiesto che la data di collocamento a riposo tenga conto dei tempi per espletare la procedura di nomina del nuovo procuratore generale al fine di evitare che si determini discontinuità nella funzione di titolare dell'azione disciplinare obbligatoria.

Fuzio ha indicato come data quella del 20 novembre 2019. Il vicepresidente e il primo presidente della corte di Cassazione hanno ringraziato Fuzio per l'alto senso di responsabilità istituzionale che ha ispirato la sua decisione.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel corso del colloquio ha preso atto della decisione di Fuzio di presentare domanda di collocamento a riposo anticipato, decisione assunta con senso di responsabilità a conclusione di un brillante percorso professionale al servizio delle istituzioni. Mattarella gli ha espresso apprezzamento per il rigore istituzionale con cui ha assicurato il tempestivo esercizio dell'azione disciplinare in una contingenza particolarmente delicata per la magistratura italiana.

"Il procuratore Fuzio ha dimostrato grande senso di responsabilità. Abbiamo sempre collaborato e c'è stato sempre un dialogo virtuoso, anche in questi giorni difficili per la magistratura'', ha commentato il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, a caldo parlando ai suoi più stretti collaboratori, appena saputo della notizia. Il Guardasigilli in queste settimane, pur nel più stretto riserbo, ha avuto diverse interlocuzioni istituzionali. ''Il procuratore Fuzio ha compiuto un gesto importante per le istituzioni'' ha concluso Bonafede.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza