cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 12:12
Temi caldi

Carabiniere accoltellato a Torino, si costituiscono i due rapinatori

30 novembre 2021 | 09.12
LETTURA: 2 minuti

Le condizioni del militare, operato nella notte, restano gravi ma stabili

alternate text
(Fotogramma)

La rapina nella farmacia di corso Vercelli, alla periferia nord del capoluogo piemontese, è stata un ripiego: i due ragazzi, uno 18enne da poco più di un mese l'altro 16enne, conosciuti da poco, avevano pianificato il 'colpo' in una farmacia di Cafasse, ma poi la coda delle persone in fila per i tamponi li ha fatti desistere e così, tornati a Torino, hanno deciso di farsi consegnare l'incasso nella farmacia poco distante da dove entrambi vivono. E' quanto ha raccontato ai pm il 18enne che questa mattina, dopo aver passato una notte fuori da casa, si è costituito questa mattina. Ascoltato per quasi tre ore, assistito dal suo legale, Antonio Mencobello, il giovane ha fornito la sua versione dei fatti, ''Non doveva andare così, non era quello che avevano previsto'', avrebbe detto.

Leggi anche

Agli investigatori, il giovane ha raccontato che lo scooter era stato comprato circa tre mesi fa, più o meno nello stesso periodo erano state comprate su internet le pistole scacciacani. Ieri sera, dopo essersi cambiati e travisati, giunti davanti alla farmacia, prima di agire hanno lasciato uscire una signora con un ragazzino, poi entrati, si sono fatti consegnare l'incasso. A quel punto, è intervenuto il brigadiere fuori servizio. Temendo l'arresto, il 18enne, secondo il suo racconto, gli ha sparato contro due colpi a salve. Il 16enne, invece, sempre secondo il racconto del maggiorenne, sarebbe uscito dopo, con gli abiti sporchi di sangue e gridando di aver accoltellato il carabiniere. E, a questo proposito il 18enne ha aggiunto che non sapeva che il complice avesse con sé un coltello.

Di lì la fuga, il cambio degli abiti, messi in uno zaino e gettati in un dirupo insieme allo scooter, i soldi , poco più di 800 euro, sparsi in vari cassonetti della spazzatura. Poi mentre il più giovane, nella tarda serata si è presentato in un commissariato, il 18enne ha atteso il mattino, e quando ha incontrato la madre ha chiesto di essere accompagnato dai carabinieri, dopo poi si è recato con il padre. Ora il giovane è accusato di concorso in rapina e tentato omicidio.

''Al di là della vicenda giudiziaria - ha detto il suo legale all'Adnkronos - il mio compito sarà innanzitutto fargli capire l'enormità di quello che ha commesso''.

LE CONDIZIONI DEL CARABINIERE ACCOLTELLATO - Le condizioni del carabiniere ferito restano gravi, ma stabili. Il militare, colpito da diversi fendenti, in particolare a polmone e fegato, la scorsa notte è stato sottoposto a un lungo intervento chirurgico. Secondo quanto si apprende resta grave, ma non è in pericolo di vita.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza