cerca CERCA
Sabato 16 Gennaio 2021
Aggiornato: 13:52

Carceri, a Roma la casa di accoglienza del Papa per i detenuti senza domicilio

24 settembre 2020 | 16.59
LETTURA: 1 minuti

Domani l'inaugurazione della struttura da parte dell'elemosiniere apostolico. Servirà a dare la possibilità a chi ne ha diritto ma non ha casa, di poter uscire dal carcere

alternate text
L'elemosiniere Konrad Krajewski (Fotogramma)
Città del Vaticano, 24 set. - (Adnkronos)

Verrà inaugurata domani a Roma la Casa di accoglienza ‘Ricominciamo’. Si tratta di una struttura nata per aiutare i detenuti  senza un domicilio a poter uscire dal carcere con le misure straordinarie previste per l’emergenza Covid. Si tratta di una risposta all’esigenza di offrire un luogo di accoglienza a quei detenuti che, pur avendone diritto, non possono beneficiare delle misure alternative. Il progetto, al quale lavorano l’Associazione volontari in carcere, Caritas di Roma, i cappellani di Rebibbia e l’Elemosineria apostolica della Santa Sede, è ospitato presso un istituto della Congregazione delle suore "Figlie di Cristo Re".

All’inaugurazione interverranno il card. Konrad Krajewski, elemosiniere apostolico; mons. Daniele Libanori, vescovo ausiliare della diocesi di Roma incaricato della pastorale nelle carceri; don Benoni Ambarus, direttore della Caritas diocesana di Roma. Attualmente la casa ospita tre persone in detenzione domiciliare, cinque in permesso premio e tre che hanno terminato la pena e stanno cercando un alloggio definitivo. 

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza