cerca CERCA
Sabato 21 Maggio 2022
Aggiornato: 21:51
Temi caldi

Carla Fracci, Cannito: "Quando mi disse non c'è niente che non possa fare, se non ballare"

29 maggio 2021 | 17.07
LETTURA: 1 minuti

alternate text
Luciano Cannito (Foto Diego D'Attilio)

"Carla Fracci amava il suo pubblico, era felice per l'affetto e l'immensa gratitudine che le persone le avevano sempre dimostrato per la sua arte. Un giorno le dissi perchè non fai l'attrice? Lei mi rispose semplicemente: 'non c'è niente che non possa fare se non ballare'". E' il ricordo del regista e Luciano Cannito di Carla Fracci.

"Carla Fracci è sempre stata per me un'amica vera - aggiunge- Profondamente italiana, profondamente 'patriota', aveva ricevuti offerte di lavora da tutto il mondo per dirigere i corpi di ballo. Ma lei amava l'Italia, soprattutto la sua Milano. Non ha mai pensato di abbandonare il suo Paese. Rimarrà un mito, un mito italiano".

"Ci siamo incontrati quando dirigevo il corpo di ballo del Teatro San Carlo di Napoli - aggiunge - A Carla Fracci ho dedicato alcune delle mie creazioni, da 'Girotondo Romano' a 'Donna Franca Florio'. Era una donna meravigliosa e innamorata del marito, il regista Beppe Menegatti. Un giorno le offrirono la direzione di una compagnia senza il consorte. Poche parole da parte sua, ' io sono una coppia', disse. Un atto di amore e di generosità".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza