cerca CERCA
Venerdì 21 Gennaio 2022
Aggiornato: 12:56
Temi caldi

Reali

Carlo e Camilla in visita a Firenze: "Città meravigliosa, un piacere esserci"

31 marzo 2017 | 19.43
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Firenze, 31 mar. (Adnkronos) -

"E' un piacere essere a Firenze, è una città meravigliosa". Così il principale Carlo si è rivolto ai giornalisti che lo attendevano all'ingresso del British Institute of Florence, accompagnato dalla duchessa Camilla, prima della tappa della sua visita a Firenze, durante il viaggio in Italia iniziato oggi e che si protrarrà fino a martedì 5 aprile.

Poco prima qualche centinaio di persone si era radunato nelle vicinanze di ponte Santa Trinità con la speranza di poter vedere da vicino la passeggiata del principe di Galles e della duchessa di Cornovaglia sul lungarno, sgomberato per l'occasione, prima di raggiungere il British Institute of Florence che quest'anno celebra il centenario della fondazione.

In occasione della storica visita, inoltre, Sua Altezza Reale sarà premiato con il "Palazzo Strozzi Renaissance Man of the Year Award 2016" e il Sindaco della città di Firenze Dario Nardella gli conferirà le "Chiavi della Città". I riconoscimenti saranno consegnati nel corso di una serata di gala che si svolgerà lunedì 3 aprile nel Salone dei 500 di Palazzo Vecchio.

Centenario British a Firenze - Il British Institute of Florence, fondato nel 1917 quale prima istituzione culturale britannica a operare fuori dal Regno Unito, ha vissuto oggi l'appuntamento d'eccezione del proprio Centenario, ospitando la visita del Principe di Galles e della Duchessa di Cornovaglia. Per la terza volta il Principe ha dedicato una visita allo storico istituto (le precedenti nel 1985 e nel 2002), mentre si è trattato della prima volta per la Duchessa.  Il principe Carlo e la duchessa Camilla, durante la visita al British Institute of Florence, in occasione della cerimonia del centenario di fondazione a Firenze, hanno avuto la possibilità di incontrare alcuni gruppi di studenti inglesi che frequentano l'istituzione culturale: una classe di giovani impegnati in ricerche sugli effetti dell'alluvione dell'Arno del 1966 sul patrimonio artistico fiorentino e un altro gruppo di ragazzi che studiano l'italiano parlato. Il principe del Galles è rimasto particolarmente divertito dalla lezione improvvisata in suo onore, da parte degli allievi che stanno studiando italiano, i quali hanno messo in scena piccoli sketch per mostrare una serie di frasi colloquiali accompagnati da alcuni gesti per spiegare meglio il contenuto. La visita è proseguita con la visione di alcuni libri rari dell'istituto e infine della prestigiosa biblioteca storica. Ha poi fatto seguito la vera e propria cerimonia celebrativa.

Nardella, ama la nostra città - "E' un gradito ritorno quello del principe Carlo nella nostra città, che ha già visitato diverse volte, che conosce bene e che ha dimostrato di amare e apprezzare". A dirlo il sindaco Dario Nardella dopo aver incontrato il principe Carlo del Galles, accompagnato dalla duchessa Camilla di Cornovaglia, alla cerimonia per il centenario del British Institute of Florence, prima tappa della sua visita a Firenze in occasione del viaggio in Italia. "E' un'occasione storica - ha aggiunto Nardella - per onorare la grande storia della diplomazia britannica nel mondo che 100 anni fa volle creare il primo istituto della cultura inglese all'estero proprio a Firenze. La visita del principe Carlo rinsalda i rapporti tra Firenze e il popolo inglese e il Regno Unito". Il sindaco di Firenze ha sottolineato, infine, come la visita dell'erede al trono della Gran Bretagna si svolga a pochi giorni dall'avvio della Brexit confermando uno storico legame con l'Italia. "Ed è ancor più significativo che abbia scelto di rimanere così tanti giorni a Firenze durante il suo viaggio italiano", ha concluso.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza