cerca CERCA
Sabato 27 Febbraio 2021
Aggiornato: 10:43
Temi caldi

Carlo Verdone: "'La carezza della memoria' la mia medicina per il lockdown"

16 febbraio 2021 | 13.43
LETTURA: 3 minuti

L'attore e regista nelle librerie con un nuovo libro edito da Bompiani e nato dall'apertura di una 'scatola dei ricordi' durante la pandemia

alternate text
Roma, 16 feb. (Adnkronos)

"Questo libro è stato la mia medicina per affrontare il lockdown. Nell'incertezza del presente e del futuro mi sono tuffato nel passato, concentrandomi sui ricordi più belli". Carlo Verdone racconta così all'Adnkronos la genesi del suo nuovo libro 'La carezza della memoria', arrivato oggi nelle librerie con Bompiani.

Nel marzo scorso, in una Roma deserta per il primo lockdown, l'attore e regista, chiuso in casa come tutti, ha deciso di aprire la scatola dei ricordi. "Uno scatolone di fotografie mai riordinate, finito in un armadio dopo un trasloco", spiega. Da lì si è dipanato un viaggio nella memoria tra aneddoti familiari sul rapporto con il padre Mario e con i figli Giulia e Paolo, scoperte di gioventù e pagine della sua vita professionale, scandita da spettacoli, viaggi, presentazioni e incontri. Senza rinunciare ad episodi esilaranti come quando un elefante dei Circo Orfei, che Liana Orfei aveva fatto avvicinare per rendere omaggio allo spettatore famoso, gli sputò letteralmente in faccia o come quando in un interminabile viaggio in treno si improvvisò medico (lui che sa tutto di medicina e medicinali) per aiutare il capotreno in preda ad un attacco di panico. "Il criterio della selezione degli episodi è stato la poesia. Ho cercato di raccontare i momenti più belli. Ho scelto le foto, gli oggetti, gli incontri che potevano darmi un sussulto o rievocare lo stupore di allora. Ho volutamente lasciato perdere ricordi meno felici, che comunque per fortuna non sono molti. E che in questo momento, francamente, credo che nessuno avrebbe avuto piacere di leggere", sottolinea l'attore e regista.

Naturalmente alcuni ricordi, pur avendo queste caratteristiche, non sono entrati nel libro: "Ho lasciato fuori qualche ricordo troppo privato e quelli che avrebbero procurato qualche brutta figura a persone note. Anche se alcuni avrebbero meritato di essere raccontati, ho voluto essere un signore", sorride. Ed è inutile, naturalmente, indagare sui personaggi 'graziati'.

Il vaccino? "Si è accesa una lucina ma la strada è ancora lunga"

Nelle prime pagine del libro l'autore afferma riferendosi alla pandemia: "spero solo che all'uscita di questo libro la situazione sia meno drammatica". Ma in realtà siamo ancora in piena lotta con il virus. "Una piccola lucina si è accesa con l'arrivo del vaccino - sottolinea Verdone - ma c'è ancora tanta strada davanti: la distribuzione di questi vaccini, la loro efficacia sulle varianti. Le incognite sono ancora tante".

Parlando del virus, Verdone nel libro lo definisce anche "un avviso di garanzia della natura". "Io credo - spiega ora - che dopo questa esperienza traumatica non sia più rimandabile da parte di tutti un diverso approccio al pianeta. E questo deve avvenire soprattutto attraverso l'educazione". E non manca naturalmente anche una riflessione sulla povertà generata dalla pandemia, quando affacciato al terrazzo di casa, vede una signora anziana del quartiere approfittare dell'oscurità per frugare in un cassonetto: "C'è tanta gente al limite della disperazione", dice Verdone. Che non dimentica anche i tanti lavoratori dello spettacolo in sofferenza: "Cinema e teatri sono ambienti sicuri. È chiaro che li hanno chiusi anche per evitare il via vai per le strade. Ma appena l'indice di contagio scenderà bisognerà prendere in considerazione la riapertura. Però non voglio sostituirmi agli esperti, credo che abbiano ben presente quanto sia tragica la situazione in quasi tutti i settori". Nel frattempo, "spero che questa carezza, che io mi sono dato da solo e che mi ha dato serenità, arrivi anche a cui leggerà il libro", conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza