cerca CERCA
Domenica 03 Luglio 2022
Aggiornato: 22:26
Temi caldi

Cartello alla Asl Roma 1, no norme precedenza per donne incinte e invalidi

22 luglio 2016 | 14.31
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Posti riservati sul bus, precedenza alla Posta, in ospedale o al centro prelievi. Ma nessuna norma stabilisce una 'via agevolata' per invalidi e donne incinte in coda nelle Asl della Capitale. Oggi un cartello affisso nel presidio di Largo Rovani della Asl Roma 1, che chiarisce la questione alle persone in attesa, ha fatto il giro del web: "Non esistendo normativa in merito al diritto di precedenza invalidi e donne in gravidanza verranno accettati allo sportello solo provvisti di numero. Pertanto il diritto di precedenza è a discrezione degli utenti secondo il buon senso e l'umana cortesia".

Dalla Asl Roma 1, contattata da Adnkronos Salute, confermano l'assenza di una normativa ad hoc e anche la presenza del cartello, almeno fino a qualche ora fa. "Abbiamo provveduto a farlo rimuovere: in effetti si prestava a fraintendimenti e poteva indurre, involontariamente, a prestare meno riguardo alle persone più fragili. Dal poliambulatorio inoltre ci assicurano che, in caso di persone con disagi o fragilità, gli stessi operatori assicurano di provvedere a un percorso privilegiato". L'invito dunque alle donne incinte o alle persone invalide che si rivolgono ai presidi della Asl è quello di rivolgersi direttamente agli operatori sanitari, "in grado di valutare le diverse problematiche e agevolare il loro percorso". Anche perché il cartello, lasciando tutto alla discrezione degli utenti, al loro buon senso e alla loro cortesia, poteva finire per danneggiare "involontariamente proprio le persone più fragili".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza