cerca CERCA
Giovedì 26 Maggio 2022
Aggiornato: 18:50
Temi caldi

Casa Bianca: "Obama a Hiroshima il 27 maggio"

10 maggio 2016 | 15.50
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Afp) - AFP

Barack Obama si recherà in visita a Hiroshima, la città giapponese in cui il 6 agosto del 1945 gli americani sganciarono la prima bomba atomica. Lo ha confermato la Casa Bianca. Obama visiterà il Memoriale della pace della città il 27 di questo mese, in coincidenza con la sua partecipazione al vertice G7 in Giappone, ha precisato il vice consigliere per la sicurezza nazionale Ben Rhodes.

E' il primo presidente americano a visitare la città durante il suo mandato, dopo l'arrivo a Hiroshima, per una riunione dei ministri degli Esteri del G7 lo scorso aprile, del segretario di Stato John Kerry.

Nel discorso che terrà al Memoriale della pace "dedicato alle vittime della bomba atomica", una "riflessione sul significato del sito e degli eventi di cui è stato teatro", Obama "non tornerà sulla decisione degli americani di usare la bomba atomica alla fine della Seconda guerra mondiale". "Ma offrirà una visione rivolta al futuro incentrata su un futuro condiviso", ha precisato Rhodes. "Questa visita - ha aggiunto - offrirà la possibilità di onorare la memoria di tutti gli innocenti persi durante la guerra, di puntare i riflettori sui costi, per gli uomini, tremendi e devastanti della guerra".

"Gli Stati Uniti saranno eternamente orgogliosi della leadership civile e degli uomini e delle donne che hanno prestato servizio nelle forze armate durante la seconda guerra mondiale per il loro sacrificio in un momento di massimo pericolo per il nostro Paese e per il mondo. La loro causa era giusta e abbiamo nei loro confronti un enorme debito di gratitudine che il presidente ricorderà una volta ancora dopo la visita, in occasione del Memorial Day", ha aggiunto l'esponente del Consiglio per la sicurezza nazionale, per sgomberare il campo dalle polemiche sull'eventuale associazione della visita di Obama a un gesto di scusa degli Stati Uniti. "Il riconoscimento aperto della storia è essenziale per comprendere il nostro passato condiviso, le forze che modellano il mondo in cui viviamo oggi e il futuro che perseguiamo per i nostri figli e nipoti".

Il tempo che il presidente trascorrerà a Hiroshima "servirà anche per riaffermare l'impegno di lunga data americano, e quello personale del presidente, a perseguire la pace e la sicurezza di un mondo senza armi nucleari", ha precisato Rhodes, ricordando la "responsabilità speciale" degli Stati Uniti evocata dal presidente "dato che siamo l'unico Paese ad aver usato un'arma nucleare". Una responsabilità che si è tradotta negli sforzi di questa amministrazione per promuovere la sicurezza e la non proliferazione nucleare e "nei passi concreti adottati per ridurre il ruolo delle armi nucleari nella nostra sicurezza e nelle politiche di altre potenze globali".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza