cerca CERCA
Domenica 07 Marzo 2021
Aggiornato: 12:58
Temi caldi

Il caso

Caso Fedez: Codacons querela anche Burioni, Sottile e Sibilia

24 maggio 2020 | 13.09
LETTURA: 2 minuti

Salvo Sottile: "Nessuna antipatia per Rienzi"

alternate text
Fotogramma /Ipa
Roma, 24 mag. (Adnkronos)

di Ilaria Floris
Il giornalista Rai Salvo Sottile, il virologo Roberto Burioni e il sottosegretario al Ministero dell’Interno Carlo Sibilia dovranno rispondere del reato di diffamazione. A presentare formale querela nei loro confronti è il Codacons, "che - spiega l’associazione - avvia anche analoga iniziativa in sede civile, chiedendo inoltre alla Rai il licenziamento di Sottile e al Governo di sostituire il Sottosegretario". La vicenda nasce lo scorso marzo, quando il Codacons denunciò le "commissioni ingannevoli" applicate dalla piattaforma Gofundme usata dalla coppia Fedez-Ferragni e da Salvo Sottile per le loro raccolte fondi in favore della sanità italiana per la lotta contro il Coronavirus. Il Codacons ottenne all’epoca un provvedimento d’urgenza dell’Autorità, che dichiarò illecito il meccanismo di applicazione delle commissioni a carico dei donatori.

La denuncia dell’associazione suscitò diverse polemiche e fu oggetto di critica, tra gli altri, anche da parte del giornalista Salvo Sottile. "Sottile -attacca l’Associazione - di cui è noto l’odio personale verso il Codacons, unica associazione esclusa da ‘Mi manda Raitre’, anziché lodare l’intervento a tutela della trasparenza e dei donatori, avviò una campagna mediatica sui social tesa a diffamare e calunniare l’associazione, attraverso deliranti tweet e video nei quali, sostanzialmente, accusava il Codacons di truffa aggravata e invitava la magistratura ad indagare sull’operato dell’associazione, dando quindi per certo che il Codacons avesse commesso reati penalmente perseguibili, e confermando la decisione di non invitare l’organizzazione alla sua trasmissione".

"Un comportamento che, in qualsiasi altro paese, avrebbe portato la Tv pubblica a licenziare in tronco un conduttore che abusa della sua posizione, e che meriterebbe una puntata di ‘Mi manda Raitre’ dedicata proprio ad indagare il suo conduttore - spiega all’Adnkronos il presidente dell’Associazione Carlo Rienzi -. Per tale motivo il Codacons ha chiesto un incontro urgente al nuovo direttore di Raitre Franco Di Mare". Comportamento analogo, secondo il Codacons, avrebbe tenuto il virologo Roberto Burioni "che in un tweet affermava ‘Il Codacons se la prende con Fedez e Ferragni, conferma il suo impegno a favore dei virus’, sostenendo quindi implicitamente che l’associazione fosse impegnata per favorire la morte dei cittadini".

Querelato, infine, dal Codacons, anche il sottosegretario al Ministero dell’Interno Carlo Sibilia. "Credendo alla ‘bufala’ messa in piedi da Fedez e Sottile, annunciò su Twitter di aver dato seguito alle rimostranze di Fedez scrivendo ‘Grazie di questa vostra segnalazione. La questione è stata riferita alla Polizia di Stato che sta realizzando gli approfondimenti del caso. Ancora grazie, queste cose non dovrebbero mai accadere, men che meno in questo periodo’ -spiega l’Associazione- Un messaggio diffamatorio e gravissimo, scritto da un rappresentante delle istituzioni nella sua veste di pubblico ufficiale, nel quale si dava per scontato un non meglio specificato reato commesso dal Codacons, senza possedere alcun elemento a riprova di quanto affermato, e senza sapere che l’associazione, prove alla mano, aveva già smentito le ingiustificate accuse di Fedez e di Salvo Sottile".

Salvo Sottile: "Nessuna antipatia per Rienzi"

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza