cerca CERCA
Giovedì 23 Settembre 2021
Aggiornato: 23:42
Temi caldi

Caso Gregoretti, Marano (M5S): "Catania in ostaggio per 3 giorni"

02 ottobre 2020 | 15.38
LETTURA: 2 minuti

"Da Salvini sfida a pm, farebbe bene a far lavorare i magistrati e a smetterla con queste sceneggiate"

alternate text
(Foto dal profilo Facebook)

"Trovo che sia assurdo tenere in ostaggio tre giorni una città per un'udienza. Salvini e i suoi farebbero bene ad aspettare che la giustizia faccia il proprio corso e a lasciare lavorare i magistrati, invece di fare queste sceneggiate". A dirlo all'Adnkronos è Jose Marano, parlamentare del M5s all'Assemblea regionale siciliana, a proposito della tre giorni del Carroccio a Catania, partita ieri e che si concluderà domani in occasione dell'udienza preliminare sul caso Gregoretti che vede imputato proprio l'ex ministro dell'Interno. Una maxi kermesse che ha visto l'arrivo in Sicilia del gotha del centrodestra con dibattiti e incontri in stile Pontida. 

Per la pentastellata la 'macchina' messa in moto dal Capitano è "una sfida alla magistratura", un comportamento "non adeguato a un ex ministro" e una manifestazione "inopportuna da parte di uomini delle Istituzioni". Oggi è arrivato anche il presidente dell'Assemblea regionale siciliana e commissario azzurro nell'Isola, Gianfranco Miccichè, che in passato non aveva lesinato le critiche a Salvini proprio sulla gestione del fenomeno migratorio. "Micciché riserva sempre delle sorprese, è scisso tra ragione e sentimento, da una parte critica le politiche leghiste, dall'altra è uomo di partito e risponde alle indicazioni di Berlusconi".

E l'eventuale presenza del governatore Nello Musumeci? "Non sarebbe la prima volta che si schiera al fianco del leader leghista. Ha partecipato alla festa della Lega a Pontida e fa campagna elettorale sulla questione degli hotspot. Il suo sostegno alla Lega non è una novità. Il tema dell'immigrazione è una questione delicata che, però, il centrodestra cavalca per acquisire consenso elettorale. Adesso lo fa anche Musumeci". 

"I siciliani e i catanesi non dimenticano le offese e gli insulti che per decenni Salvini e i suoi hanno rivolto al Mezzogiorno - conclude Marano -. L'atteggiamento razzista del Carroccio è incompatibile con l'anima dell'Isola. Qui la Lega non troverà folle infervorate". 

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza