cerca CERCA
Sabato 27 Febbraio 2021
Aggiornato: 20:15
Temi caldi

Trump: "Danimarca non vende Groenlandia? Annullo visita"

21 agosto 2019 | 08.35
LETTURA: 4 minuti

Dopo il secco rifiuto della premier Frederiksen a trattare sull'acquisto, il presidente Usa fa un passo indietro. I reali danesi: "Una sorpresa". Rasmussen: "Battuta d'arresto per nostre relazioni diplomatiche". Bruxelles sta con Copenaghen

alternate text
(Fotogramma/Ipa)
Washington, 21 ago. (Adnkronos)

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato il rinvio della sua visita in Danimarca, prevista all'inizio del mese prossimo, dopo il secco monito della premier danese, Mette Frederiksen, che nei giorni scorsi ha respinto la sua proposta di acquistare la Groenlandia.

"La Danimarca è un Paese molto speciale con persone incredibili, ma sulla base dei commenti del primo ministro Mette Frederiksen, che non sarebbe interessata a discutere dell'acquisto della Groenlandia, rimanderò il nostro incontro in programma tra due settimane a un'altra volta", ha twittato Trump.

Trump avrebbe dovuto visitare la Danimarca su invito della regina Margrethe II e avrebbe dovuto incontrare anche la Frederiksen. Gli osservatori ritenevano che durante i colloqui tra il presidente americano e le autorità danesi sarebbero state discusse questioni relative all'Artico anche se il programma ufficiale del viaggio non era ancora stato definito da parte americana.

"Nessuna crisi" tra Copenhagen e Washington dopo l'annullamento della visita di Donald Trump in Danimarca. Il presidente americano ha collegato la decisione alla mancata disponibilità della Danimarca a vendere la Groenlandia. "Sono evidentemente contrariata e sorpresa dall'annullamento della visita di stato del presidente americano", dice la premier danese Mette Fredriksen. "Danimarca e Stati Uniti non sono in crisi", aggiunge, sottolineando che l'invito per Trump "resta valido".

I reali di Danimarca hanno espresso "sorpresa" per la decisione del presidente americano Donald Trump di rinviare la visita nel Paese scandinavo. "È stata una sorpresa, ma non abbiamo altro da dire al riguardo", ha commentato la portavoce della casa reale, Lene Balleby, all'emittente pubblica danese 'Dr'.

L'ex premier danese ed ex segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, considera il rinvio della visita di Donald Trump a Copenaghen, 'colpevole' di non voler vendere la Groenlandia agli Stati Uniti, "una battuta d'arresto per le relazioni diplomatiche fra i nostri due Paesi, ma potrebbe essere un bene". Secondo Rasmussen, "le sfide economiche e di sicurezza dell'Artico sono troppo importanti per essere affrontate insieme a discussioni inutili come la vendita della Groenlandia". "La Danimarca - ha sottolineato in una serie di tweet l'ex segretario generale della Nato - è da decenni uno dei più stretti alleati degli Stati Uniti. Durante il viaggio si sarebbe potuto discutere di temi di comune interesse, come l'opposizione al North Stream 2, i timori per il 5G, la lotta al terrorismo e l'Artico".

Bruxelles si schiera con Copenaghen. "La Commissione - ha detto la portavoce dell'esecutivo Ue Natasha Berthaud, rispondendo ad una domanda in proposito, dopo che Trump ha annunciato di aver rinviato la visita a Copenaghen dopo il rifiuto danese - sottoscrive totalmente e appoggia la posizione espressa dalla premier danese (Mette Frederiksen) e dal governo della Groenlandia" secondo cui l'isola non è in vendita.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza