cerca CERCA
Martedì 22 Giugno 2021
Aggiornato: 18:46
Temi caldi

Caso Manduca, da Cassazione ok a ricorso orfani

08 aprile 2020 | 14.12
LETTURA: 4 minuti

I tre figli della donna uccisa nel 2007 dal compagno per ora non dovranno restituire il risarcimento di 250mila euro ottenuto in primo grado. La legale: "Sentenza di portata storica'

alternate text
(Foto Fotogramma)

E’ stato accolto dalla Cassazione il ricorso dei tre orfani di Marianna Manduca, uccisa nel giugno del 2007 a Palagonia, in provincia di Catania, da Saverio Nolfo, compagno e padre dei suoi figli. I giudici della terza sezione civile hanno accolto il ricorso presentato dagli avvocati Licia D’Amico e Alfredo Galasso a nome dei ragazzi, poi adottati dal cugino della madre Carmelo Cali’ e dalla moglie, sul risarcimento corrisposto in seguito all’omicidio della mamma annullando la sentenza di secondo grado e disponendo un nuovo giudizio davanti alla Corte di Appello di Catanzaro.

I tre orfani, in un iter processuale complesso, avevano visto riconoscersi in primo grado un risarcimento di 250mila euro dopo che era stata ravvisata la responsabilità civile dei magistrati: la donna aveva infatti presentato 12 denunce contro l’uomo che l’ha poi uccisa a coltellate. Ma la Corte d’appello di Messina lo scorso marzo aveva annullato quel risarcimento dando ragione alla Presidenza del Consiglio che aveva fatto ricorso sostenendo che i magistrati di Caltagirone fecero il possibile considerata l’assenza all’epoca di una legge sullo stalking. Una decisione che la difesa della famiglia di Marianna aveva impugnato in Cassazione davanti alla terza sezione civile.

''Siamo molto soddisfatti della risposta di giustizia arrivata oggi con questa sentenza della Corte di Cassazione. Una sentenza di portata storica''. Così l'avvocato Licia D'Amico, che insieme all'avvocato Alfredo Galasso difende i tre orfani di Marianna Manduca, commenta all'Adnkronos la decisione dei giudici della Terza Sezione Civile della Suprema Corte. ''Questa sentenza che accoglie pienamente il nostro ricorso riconosce - sottolinea l'avvocato - che quanto era stato deciso dalla Corte di Appello di Messina era errato. Ora ci attende un nuovo grado di giudizio. Intanto è arrivato quello che chiedevamo, una parola di giustizia, una sentenza che ne cancella una sbagliata, che toccava una vicenda dolorosa, un femminicidio, una donna, Marianna, che aveva denunciato ma non era stata ascoltata. Oggi arriva un messaggio di incoraggiamento per chi e' vittima di violenza''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza