cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 09:24
Temi caldi

Caso marò, "Girone torni in Italia in attesa di sapere chi dovrà giudicare"

30 marzo 2016 | 13.27
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Xinhua)

"La richiesta del nostro Paese è di far rientrare il fuciliere Girone, che è da oltre quattro anni in India senza alcun capo di imputazione formale, farlo rientrare in Italia in attesa che il Tribunale arbitrale costituito presso la Corte permanente dell'arbitrato si pronunci su chi tra l'India o l'Italia abbia la giurisdizione a giudicare il caso". Lo ha detto a L'Aia l'ambasciatore Francesco Azzarello, agente del governo italiano nell'arbitrato, intervistato da 'RaiNews24'.

Il clima percepito in aula? "Il clima è sempre cordiale - ha risposto Azzarello - con gli indiani abbiamo sempre eccellenti rapporti. Qui non si tratta di essere ottimisti o pessimisti, l'Italia ha delle speranze fondate su solide motivazioni giuridiche e umanitarie. Ovviamente sta al tribunale accoglierle o meno e, laddove le accogliesse, in quali termini".

A Salvatore Girone, Massimiliano Latorre e alle loro famiglie, l'ambasciatore ha voluto ricordare che "l'Italia, con quella necessaria e indispensabile discrezione che queste cose richiedono, continua a lavorare per loro" e che "sono costantemente nei nostri pensieri".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza