cerca CERCA
Domenica 14 Agosto 2022
Aggiornato: 00:08
Temi caldi

Caso Marò: Orellana (M5S), diplomazia non significa mancanza di fermezza

13 febbraio 2014 | 08.40
LETTURA: 3 minuti

"La lotta alla pirateria marina è una lotta che l'Italia sta conducendo da anni ma e' una lotta che appunto ha tante sfaccettature, e riguardo i nostri due maro' prigionieri in India da 2 anni, non sta ricevendo il sufficiente appoggio da parte di Nato, Ue, Onu. Sono d'accordo con chi parla dell'esigenza di atteggiamenti più riflessivi e pacati, ma diplomazia non vuole dire mancanza di fermezza. La fermezza in questo caso non deve mancare nell'opzione e nella posizione dell'Italia anche rivedendo tutto il complesso delle missioni internazionali''. Lo afferma Luis Alberto Orellana, senatore 5 Stelle, componente la commissione Esteri. ''L'Italia -aggiunge Orellana- non può restare ferma, ma deve chiedere l'aiuto degli altri Paesi dell'Unione europea (alcuni dei quali sono già membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu) e degli Stati Uniti, che sono forse il membro più importante di tutti, e dei Paesi che supportano la Nato. Quanto a quest'ultima, non ho sentito parole di condanna di questa situazione da parte di Rasmussen, anzi c'e' stato un silenzio surreale''. "Noi -conclude Orellana-vogliamo garanzie da questo governo e non mi interessa se sia debole, forte o in fibrillazione. L'Italia è a fianco dei nostri due fucilieri e non può rimanere vittima di un Europa debole o di un governo debole''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza