cerca CERCA
Sabato 31 Luglio 2021
Aggiornato: 17:11
Temi caldi

Caso Moro: Martella (Pd), commissione chiarisca su omissioni e complicita'

17 marzo 2014 | 16.03
LETTURA: 2 minuti

"E' ancora importante, ora, a distanza di 36 anni, attivare una commissione d'inchiesta perché quella pagina buia non si è mai chiusa e non si è mai potuto dire con certezza quale fosse la verità sulle circostanze che, tra il marzo e il maggio del 1978, condussero ad un evento e ad una fine così tragica. Una fine tragica per Moro, uno statista di cui l'Italia fu privata, ma anche una fine tragica per la storia del nostro Paese, che imboccò un percorso molto diverso rispetto a quello a cui Aldo Moro stava lavorando": così Andrea Martella, deputato Pd, spiega, ai microfoni di Radio Radicale, la ragione della richiesta della istituzione di una commissione d'inchiesta sul rapimento e l'uccisione di Aldo Moro.

"Credo che il tentativo sia utile", dice Martella ricordando che "il gruppo del Pd, su iniziativa del suo deputato Gero Grassi, ha lavorato ad un dossier che è stato anticipato nei giorni scorsi e che fa riferimento a tutti i punti nevralgici e alle mancate verità sul caso Moro. Dal dossier emergono una serie di omissioni, ritardi, complicità e deviazioni su cui va fatta piena luce. Se la commissione servirà a questo, sarà utile e mi auguro venga approvata la sua istituzione in tempi rapidi tanto alla Camera che al Senato, visto che si tratterebbe di un organismo bicamerale", conclude Martella.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza