cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 13:27
Temi caldi

Caso Sallusti, Corte Ue condanna l'Italia

07 marzo 2019 | 13.01
LETTURA: 2 minuti

Lo Stato dovrà risarcire il direttore de 'Il Giornale' con 12mila euro

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

La Corte europea per i diritti dell’uomo ha condannato lo Stato italiano a risarcire il direttore de 'Il Giornale' Alessandro Sallusti per ingiusta detenzione. Sallusti fu arrestato nel novembre del 2012, in seguito alla condanna definitiva per la denuncia per diffamazione e omesso controllo presentata contro di lui dal giudice Giuseppe Cocilovo.

La Corte europea ha stabilito che si è trattato di una ingerenza della magistratura nella libertà di espressione e ha condannato lo Stato italiano a risarcire Alessandro Sallusti con dodicimila euro per le “sofferenze cagionate”. Già nel dicembre del 2012 il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano aveva commutato la pena detentiva di Sallusti in una ammenda e invitato il Parlamento a modificare le norme e le pene che regolano la diffamazione.

"Io spero che questa sentenza faccia giurisprudenza affinché un giornalista che non commette dei reati non possa essere mai più arrestato per fatti inerenti alla sua professione" ha commentato Sallusti all'Adnkronos. "Sono soddisfatto, mi dispiace aver dovuto scomodare la Corte europea per una cosa che avrebbe dovuto essere evidente a qualsiasi Corte italiana di buon senso", ha aggiunto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza