cerca CERCA
Venerdì 27 Maggio 2022
Aggiornato: 11:14
Temi caldi

Caso Scajola: difensori Rizzo, non ci sono presupposti per giudizio immediato

29 luglio 2014 | 17.17
LETTURA: 2 minuti

La Dda di Reggio Calabria ha chiesto il giudizio immediato per l'ex ministro Claudio Scajola, Chiara Rizzo e Martino Politi, agli arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta su presunti aiuti alla latitanza di Amedeo Matacena, l'ex deputato di Forza Italia condannato in via definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa ma i legali di Chiara Rizzo, avvocati Bonaventura Candido e Carlo Biondi, sono contrari.

''Appena saputo della richiesta - dichiara Biondi ad Adnkronos - abbiamo immediatamente presentato una memoria, via pec e via fax, in cui dichiariamo inammissibile il giudizio immediato. Non esistono i requisiti necessari. Anzi, pur rispettando l'iniziativa, la troviamo palesemente strumentale. Non possiamo non rilevare che questa nuova iniziativa, assunta a pochi giorni dalla scadenza dei termini di custodia cautelare, a nostro avviso appare avere l'unico obbiettivo di mantenere ferma la misura a carico della nostra cliente e di altri due indagati, peraltro in pendenza di due appelli della difesa aventi a oggetto la richiesta di annullamento della misura, che saranno discussi il 6 agosto dinnanzi al Tribunale del Riesame di Reggio Calabria e di quello proposto dall'ufficio di procura, rinviato all'udienza dell'1 ottobre. A nostro giudizio la richiesta di giudizio immediato, certamente lecita, e' una forzatura giuridica che, peraltro, discrimina di fatto la posizione della nostra assistita e di altri due indagati rispetto a quella di altri che avrebbero concorso nei medesimi reati".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza