cerca CERCA
Lunedì 02 Agosto 2021
Aggiornato: 23:44
Temi caldi

Cassa integrazione, le nuove misure per il 2021

20 febbraio 2021 | 11.20
LETTURA: 2 minuti

L'Inps con una nuova circolare ha fornito importanti chiarimenti

alternate text
(Fotogramma/Ipa)

Cassa integrazione ordinaria (Cigo), in deroga (Cigd), assegno ordinario (Aso) e cassa integrazione salariale operai agricoli (Cisoa): l’Inps con una nuova circolare ha fornito importanti chiarimenti sulle nuove misure di integrazione salariale fruibili nel 2021, come spiega La Legge per Tutti.

"In merito alla cassa integrazione Covid, le nuove integrazioni salariali dell’Inps, si osserva innanzitutto che, in base all’integrazione salariale spettante, il termine per la fruizione è differente: anche se tutti gli ammortizzatori sociali Covid istituiti dalla legge di Bilancio 2021, difatti, hanno una durata massima di 12 settimane (90 giorni per la Cisoa), la cassa integrazione ordinaria può essere fruita sino al 31 marzo 2021, mentre gli altri ammortizzatori sino al 30 giugno 2021 - si evidenzia - Con riferimento a tali periodi, le 12 settimane costituiscono la durata massima che può essere richiesta con causale emergenziale Covid-19: di conseguenza, eventuali periodi di integrazione salariale decreto Ristori autorizzati per il mese di gennaio 2021 devono essere scomputati dalle 12 settimane complessivamente spettanti".

"L’istituto - ricorda La Legge per Tutti - ha inoltre chiarito che possono beneficiare degli ammortizzatori i lavoratori in forza alla data del 4 gennaio 2021, superando le precedenti indicazioni, che richiedevano l’assunzione del lavoratore entro il 1° gennaio 2021. Con riferimento alla data in cui il lavoratore deve essere alle dipendenze dell’azienda richiedente la prestazione, nelle ipotesi di trasferimento di azienda e di assunzioni a seguito di cambio di appalto, resta valido quanto già precisato dall’Istituto in materia: per il lavoratore che passa alle dipendenze dell’impresa subentrante nell’appalto, si computa anche il periodo durante il quale il dipendente è stato impiegato presso il precedente datore di lavoro".

E "le 12 settimane di integrazione salariale possono essere fruite anche se in precedenza l’azienda non ha utilizzato alcun ammortizzatore sociale, in quanto totalmente slegate dai periodi pregressi".

DOMANDA DI CASSA INTEGRAZIONE 2021

Per richiedere l’ulteriore periodo di 12 settimane di cassa integrazione, ordinaria o in deroga, nonché di assegno ordinario, i datori di lavoro devono trasmettere la domanda di concessione dei trattamenti con la nuova causale, denominata “COVID 19 L. 178/20”.

Le domande di concessione del trattamento di cassa integrazione speciale operai agricoli (Cisoa) devono essere trasmesse utilizzando la nuova causale “CISOA L. 178/20”.

"L’Inps ha poi ricordato che le settimane di integrazione salariale 2021 possono essere richieste entro la fine del mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività. In fase di prima applicazione, il termine di decadenza è fissato il 28 febbraio 2021, ma la data dovrebbe slittare al 31 marzo con il decreto Milleproroghe. Se l’istanza riguarda un arco di tempo a cavallo di più mesi, il regime di decadenza riguarda esclusivamente il periodo in relazione al quale il termine di invio della domanda risulti scaduto; in queste ipotesi, l’istituto procede ad un accoglimento parziale per il periodo residuo che risulti ancora nei termini di legge" conclude La Legge per Tutti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza