cerca CERCA
Mercoledì 16 Giugno 2021
Aggiornato: 10:31
Temi caldi

Spazio

C'è metano su Marte

01 aprile 2019 | 18.55
LETTURA: 4 minuti

La conferma arriva da uno strumento italiano, le emissioni erano state rilevate nel 2013 dal rover Curiosity della Nasa

alternate text
(Fotogramma /Ipa)

Confermata l'emissione di metano su Marte rilevata nel 2013 dal rover Curiosity della Nasa. Asi, Inaf e Ingv hanno annunciato che la "conferma è arrivata, in modo del tutto indipendente, da un team internazionale di ricercatori guidato da Marco Giuranna dell’Istituto Nazionale di Astrofisica ed a cui hanno partecipato ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e dell’Agenzia Spaziale Italiana".

Lo studio è stato realizzato grazie alle misure dello strumento italiano PFS (Planetary Fourier Spectrometer) a bordo della sonda dell’Esa Mars Express. Il team ha inoltre individuato la possibile zona di emissione, in una regione del pianeta situata circa 500 chilometri ad est del cratere Gale. La ricerca di metano su Marte, spiegano Agenzia Spaziale Italiana, Istituto Nazionale di Astrofisica e Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, "è di fondamentale importanza poiché la molecola potrebbe avere origine biologica e quindi servire da tracciante della presenza di vita sul pianeta rosso".

Tuttavia, prima d’ora, nessun rilevamento era stato confermato con misurazioni indipendenti. "Finalmente adesso abbiamo la prima osservazione simultanea di metano su Marte, nello stesso luogo e nello stesso momento, da parte di due strumenti indipendenti e molto diversi tra loro: un rover in superficie e uno spettrometro in orbita attorno al pianeta" scandisce Marco Giuranna, primo autore dell’articolo che descrive la scoperta e pubblicato su 'Nature Geoscience'.

Lo spettrometro di Fourier PFS, strumento a bordo della sonda europea Mars Express fornito dall’Agenzia Spaziale Italiana, ha rilevato per la prima volta la presenza di tracce di metano nell’atmosfera marziana nel 2004. Oggi, 15 anni dopo, lo stesso strumento riporta la presenza di un picco di metano nell'atmosfera sopra il cratere Gale. Le osservazioni di PFS sono del 16 giugno 2013. Il giorno precedente, ricordano Asi, Inaf e Ingv, il rover Curiosity aveva osservato quantità di metano simili all’interno dello stesso cratere.

Ma il team non si è fermato qui. Questi risultati, infatti, hanno fornito un’opportunità unica per individuare la zona del pianeta dalla quale è stato probabilmente rilasciato il gas. "Abbiamo adottato -sottolinea Giuranna- un approccio sinergico per integrare le osservazioni di PFS con simulazioni atmosferiche e con fattori geologici, e poter risalire alla sorgente del metano". Ed il risultato più importante, evidenzia lo scienziato italiano, "è che due studi completamente indipendenti suggeriscono lo stesso luogo di origine".

Tutti "i vincoli osservazionali disponibili, infatti, - riferiscono Asi, Inaf e Ingv- sono stati forniti ad un modello teorico di circolazione globale dell’atmosfera marziana per identificare le aree di provenienza del gas più plausibili".

Le simulazioni sono state eseguite considerando scenari realistici di emissione di gas, come i tipici andamenti di rilascio del gas dalle rocce osservati sulla Terra. I risultati del modello, sviluppato dal Royal Belgian Institute for Space Aeronomy (BIRA-IASB), indicano che una regione situata circa 500 chilometri ad est del cratere Gale ha un’alta probabilità di essere il luogo di origine del metano osservato. Un’analisi geologica, completamente indipendente dal modello atmosferico, ha indicato la stessa regione di provenienza.

Giuseppe Etiope dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma spiega che il team ha "studiato il contesto geologico marziano in un’ampia regione attorno al punto di rilevazione del gas, alla ricerca di strutture che potrebbero essere associate al rilascio di metano".

"La regione più interessante dal punto di vista geologico è proprio la stessa indicata dai modelli di circolazione globale. Questa vasta area include il terreno fratturato di Aeolis Mensae che ospita, in un settore chiamato Medusae Fossae Formation (MFF), numerose faglie e un sottosuolo ricco di ghiaccio, come il permafrost diffuso nelle aree fredde della Terra". "Poiché il permafrost può contenere metano o fornire una copertura impermeabile per la risalita di gas è possibile -conclude Etiope- che il metano venga rilasciato lungo le fratture in maniera episodica, per parziale scioglimento del ghiaccio, per sovrappressione del gas che si accumula nel sottosuolo, eventi sismici o per l'impatto di meteoriti".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza