cerca CERCA
Domenica 22 Maggio 2022
Aggiornato: 23:53
Temi caldi

Pa: Censis, 4,2 mln di italiani hanno chiesto raccomandazione per pratica

19 marzo 2015 | 11.38
LETTURA: 3 minuti

800mila avrebbero fatto un regalo a dirigenti pubblici per avere in cambio un favore. E' quanto emerge dai principali risultati della ricerca 'La composizione sociale dopo la crisi', realizzata dall'istituto di ricerca

alternate text

Circa 4,2 milioni di cittadini sarebbero ricorsi a una raccomandazione o all'aiuto di un parente, amico e conoscente, per ottenere un'autorizzazione o accelerare una pratica della pubblica amministrazione. E 800mila avrebbero fatto un regalo a dirigenti pubblici per avere in cambio un favore. E' quanto emerge dai principali risultati della ricerca 'La composizione sociale dopo la crisi', realizzata dal Censis.

Per il 50,5% degli italiani la pubblica amministrazione funziona male, per il 63,5% non è cambiata e per il 21,5% è addirittura peggiorata. Chiedono il pugno di ferro per corrotti e fannulloni: il 45,3% vorrebbe regole più severe e licenziamenti nel pubblico impiego.

Un altro sintomo delle difficoltà di rapporto dei cittadini con la pubblica amministrazione è il ricorso a soggetti di intermediazione (Caf, patronati, ecc.) per relazionarsi con gli uffici pubblici: nell’ultimo anno lo hanno fatto 3,3 milioni di italiani.

Ora che si annuncia la ripresa, gli italiani dicono no a ogni forma di precariato. Per il 67,5% pagare meno o dare meno tutele a chi entra nel mercato del lavoro non è giusto, perché si creano fasce di lavoratori penalizzati e facilmente ricattabili. Il 19,3% lo considera inevitabile, altrimenti le aziende non assumerebbero nuovo personale (devono poterlo mandare via se non vale). Per il 13,2% invece è giusto, perché per forza di cose il nuovo arrivato è meno capace e produttivo: deve imparare.

Le persone a rischio di povertà o esclusione sociale in Italia sono aumentate di oltre 2,2 milioni negli ultimi sei anni di crisi: sono passate da 15.099.000 a 17.326.000. Il tasso di persone a rischio di povertà o esclusione sociale è pari al 28,4% in Italia, superiore a Spagna (27,3%), Regno Unito (24,8%), Germania (20,3%) e al valore medio dell’Ue (24,5%).

Le disuguaglianze sono aumentate perché chi meno aveva più ha perso: nell’ultimo anno gli operai hanno avuto un taglio della spesa media familiare mensile del 6,9%, gli imprenditori del 3,9% e i dirigenti dell’1,9%.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza