cerca CERCA
Martedì 18 Gennaio 2022
Aggiornato: 22:57
Temi caldi

Lavoro: Cgil, su cigd governo 'non cambia verso'

04 agosto 2014 | 09.59
LETTURA: 2 minuti

Il segretario confederale, Serena Sorrentino: spostamento di risorse.

alternate text
Serena Sorrentino

"Esprimiamo un primo giudizio in attesa di leggere il testo del decreto perché i criteri restrittivi potrebbero comunque compromettere la funzionalità degli ammortizzatori in deroga per contrastare la crisi. Dalla nota del Ministero del Lavoro rileviamo però che ancora una volta il governo non 'cambia verso' perché c'è uno spostamento di risorse dal lavoro, ovvero dagli incentivi per l'occupazione e dalla formazione continua, ad altri capitoli del lavoro, cioè gli ammortizzatori in deroga". Lo afferma il segretario confederale della Cgil, Serena Sorrentino.

"Appare quindi una forzatura - prosegue la dirigente sindacale - ciò che afferma il ministro Poletti sul fatto che ci siano risorse in più. In realtà si stornano da altri capitoli del lavoro verso la deroga". Inoltre, aggiunge Sorrentino, "rimane pesante aver introdotto l'aumento dell'anzianità lavorativa per poter accedere agli ammortizzatori in deroga che penalizzerà proprio quei contratti temporanei fortemente incentivati dal governo".

Ancora, sempre in relazione a quanto previsto nel decreto dalla nota del Ministero, il segretario nazionale della Cgil sottolinea che "sulla durata, grazie alle mobilitazioni, il governo si è reso conto che il 2014 sarà ancora un anno falcidiato dalla crisi e, per evitare ulteriori licenziamenti, ha esteso a undici mesi la copertura. In generale, il decreto non ci sembra un intervento risolutivo che consentirà a imprese e lavoratori di avere le garanzie necessarie", conclude Sorrentino.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza