cerca CERCA
Mercoledì 22 Settembre 2021
Aggiornato: 20:52
Temi caldi

"Chi di pedemontana ferisce, di pedemontana perisce". Consigliere Sel nella bufera per post su Buonanno

06 giugno 2016 | 14.46
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

“Commento indegno, vergognoso e a dir poco aberrante da parte di un ‘uomo’ eletto nelle istituzioni, che rappresenta la maggioranza che governa questa città e che dovrebbe essere portavoce di tutta la cittadinanza indipendentemente dai colori politici”. Così Giacomo Ghilardi, capogruppo della Lega Nord al Comune di Cinisello Balsamo, relativamente al commento del consigliere comunale di Sel Alberto Amariti che sui social network ha postato, in merito alla morte di Gianluca Buonanno: “Chi di pedemontana ferisce, di pedemontana perisce”.

“La Lega - continua Ghilardi - presenterà ufficialmente al primo consiglio comunale la richiesta di dimissioni nei confronti di colui che ha infangato la memoria di un nostro rappresentante e il nome di Cinisello Balsamo agli occhi dell’opinione pubblica”.

“Un commento che non ha niente di intelligente e nulla di umano - commenta Jari Colla, consigliere regionale del Carroccio - ancor più grave se detto da un sedicente avvocato che dovrebbe fare della deontologia professionale le fondamenta del suo agire; un simile comportamento non può passare inosservato e per questo agiremo immediatamente con un esposto all’Ordine degli Avvocati”.

Amariti ha cancellato il post. "Ho capito che l'ironia non è per tutti - scrive su Facebook - Nella morte ancora meno. Sarò una avanguardia. 72 messaggi di cui 15 minacce di morte più o meno credibili per stasera possono bastare. Poi mi dicono che i leghisti non sono fomentatori di odio. Non intendo denunciare nessuno, sperando che si fermino qui...Torno a guardare il disastro elettorale della sinistra. Qualcosa di più serio su cui riflettere".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza