cerca CERCA
Domenica 22 Maggio 2022
Aggiornato: 13:44
Temi caldi

NY

Chi è l'attentatore

11 dicembre 2017 | 18.32
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Afp) - AFP

Qualcosa deve essere andato storto.Akayed Ullah sognava di farsi saltare nel sottopassaggio del terminal dei bus della Port Autority, ma solo uno degli ordigni è parzialmente esploso alle 7.40 tra la 42esima e l'Ottava Avenue vicino a Times Square. I feriti sono stati quattro, nessuno in pericolo di vita, compreso il mancato attentatore suicida. "E' stato un tentato attentato terroristico" ha detto il sindaco di New York, Bill De Blasio.

Manhattan, panico in strada

Il 27enne, originario del Bangladesh, viveva a Brooklyn da sette anni e aveva lavorato come tassista. Per il New York Post, che cita fonti di polizia, si sarebbe ispirato all'Isis. Dal letto di ospedale avrebbe detto di voler colpire perché "stanno bombardando il mio Paese". Ullah avrebbe avuto addosso due ordigni: il tubo bomba e un giubbotto esplosivo con fili che uscivano dall'indumento. "Lo abbiamo trovato con bruciature e ferite alle mani e all'addome" ha detto la polizia.

Poco più di un mese fa, il 31 ottobre scorso, un 29enne uzbeko si era scagliato con un furgoncino sui pedoni e sui ciclisti a New York, provocando la morte di otto persone.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza