cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 22:23
Temi caldi

Chiellini aspetta la Croazia: "La Nazionale è pronta per l'esame più difficile"

12 novembre 2014 | 14.14
LETTURA: 3 minuti

Il difensore della Juventus: "Abbiamo messo una pietra sul Mondiale e ora abbiamo voglia di rivincita. Con Conte, tutte le partite vengono preparate alla stessa maniera"

alternate text
Giorgio Chiellini (foto Infophoto) - INFOPHOTO

"Siamo pronti per la sfida più difficile. Abbiamo messo una pietra sopra al Mondiale: ora è iniziato un ciclo, dobbiamo avere voglia di rivincita". Giorgio Chiellini è uno dei pilastri della nuova Nazionale guidata dal ct Antonio Conte. Domenica, a Milano, gli azzurri affrontano la Croazia in un match fondamentale per le qualificazioni a Euro 2016.

"Domenica è la partita più difficile, contro la squadra più forte del girone insieme a noi. Diamo il 100% e speriamo di vincere", dice Chiellini evidenziando le qualità degli avversari di turno. "Affrontiamo una squadra molto forte, sfortunata al Mondiale. Ma giocano tutti in top club. Li rispettiamo ma vogliamo i 3 punti -aggiunge-. "Stiamo preparando questa sfida come merita. Uno dei punti di forza di Conte è approcciare tutte le partite allo stesso modo: senza spirito di applicazione e sacrificio non si va da nessuna parte".

L'Italia arriva all'appuntamento con alcune defezioni provocate da problemi fisici. Marco Verratti ha lasciato il ritiro per un principio di pubalgia. Decisamente più grave l'infortunio occorso a Lorenzo Insigne, che nell'ultima giornata di campionato ha riportato la lesione del legamento crociato ed è già stato operato.

"Avremmo voluto disputare questa gara senza infortunati, ma purtroppo fanno parte del gioco. Faccio in particolare gli auguri a Insigne", afferma Chiellini. Il reparto arretrato della Nazionale è basato sulla difesa della Juventus. I bianconeri, con l'arrivo di Massimiliano Allegri in panchina, stanno passando dallo schieramento a 3 a quello a 4. La duttilità, ovviamente, può giovare anche all'Italia.

"Giocare a tre o a quattro dietro è diverso, però l'importante è che tutta la squadra interpreti la gara nella stessa maniera", dice Chiellini, che osserva con attenzione i progressi di potenziali eredi.

"Rugani e Romagnoli sono ottimi giovani, speriamo possano crescere altri difensori italiani di livello", dice, prima di dedicare qualche parola in più a Rugani. Il giocatore dell'Empoli è nell'orbita della Juventus: "L'ho visto crescere, ci avrei scommesso che avrebbe giocato in Serie A. Complimenti: la testa fa la differenza". A Torino, si sta ritagliando uno spazio importante Angelo Ogbonna: "Sta facendo benissimo. Sta crescendo con tranquillità".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza