cerca CERCA
Sabato 13 Agosto 2022
Aggiornato: 13:00
Temi caldi

Chirurgia: solo pochi studenti con abilita' innate per sala operatoria

24 febbraio 2014 | 18.53
LETTURA: 2 minuti

Roma, 24 feb. (Adnkronos Salute) - Sono pochi i maghi del bisturi alla nascita. Come nello sport i fuoriclasse sono delle eccezioni, così anche gli studenti di medicina particolarmente dotati per la chirurgia sembrano una rarità. Lo ha dimostrato uno studio condotto da un gruppo di ricercatori di EndoCas (www.endocas.org), il centro di eccellenza della chirurgia assistita al calcolatore dell'Università di Pisa, che per la prima volta in assoluto ha usato il da Vinci Skills Simulator - un simulatore per chirurgia robotica basato su realtà virtuale - per valutare se tra gli studenti di medicina ce ne fossero alcuni dotati di un’abilità innata per la chirurgia.

I risultati dello studio sono stati pubblicati da 'Surgical Endoscopy'. Si tratta di un traguardo particolarmente importante raggiunto dalla ricerca italiana, se si pensa che nel mondo sono installati oltre mille simulatori di chirurgia robotica. A condurre la ricerca è stato Andrea Moglia, bresciano di origine, ricercatore all'Università di Pisa, con la collaborazione di Alfred Cuschieri, pioniere della chirurgia mininvasiva. Lo studio pisano ha rivelato che esiste una piccola percentuale (6.6%) di studenti di medicina (8 su 121 nello studio) che si distingue dagli altri per manualità e abilità psicomotorie; al tempo stesso esiste una percentuale quasi doppia (11.6%) che ottiene prestazioni nettamente inferiori alla media. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza