cerca CERCA
Mercoledì 30 Novembre 2022
Aggiornato: 18:12
Temi caldi

Choc nel viterbese, 51 cani tenuti tra topi ed escrementi /Video

31 luglio 2015 | 12.12
LETTURA: 3 minuti

Cinquantuno cani, tenuti all'interno di un canile abusivo, a Barbarano Romano, in provincia di Viterbo, sono stati sequestrati dal personale del Corpo forestale dello Stato. Gli animali erano in pessime condizioni igienico sanitarie tanto che, molti di essi, presentavano ferite e lesioni abbastanza gravi. Il fabbricato era, inoltre, completamente infestato dai topi e dai loro escrementi. Su delega della Procura della Repubblica di Viterbo gli uomini del Nucleo Investigativo per i Reati in Danno agli Animali (NIRDA) e del Comando Stazione di Oriolo Romano sono intervenuti all'interno della struttura, gestita da un'anziana signora, caduta in povertà.

L'anziana signora, considerata dagli inquirenti una 'Animal Hoarder', ovvero un'accumulatrice seriale di animali, non voleva disfarsi di nessuno dei suoi cani e neanche dei topi, con i quali aveva imparato a convivere, tanto da vivere anche lei in una situazione di estremo degrado, circondata da roditori.

Gli accertamenti sono stati effettuati dopo una querela giunta alla Procura della Repubblica di Viterbo che ha disposto la perquisizione del sito e il sequestro degli animali. Attivata anche l'autorità comunale, sul posto il sindaco di Barbarano Romano, nominato custode degli animali e della struttura sequestrata, il quale ha avuto anche l'incarico di risolvere la delicata questione sociale legata all'anziana donna. Oltre agli uomini della Forestale era presente in loco anche il veterinario dell'Asl VT4, nominato custode giudiziario per la vigilanza sanitaria degli animali sequestrati.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza