cerca CERCA
Sabato 27 Novembre 2021
Aggiornato: 12:13
Temi caldi

Christine Lagarde: “Penso che tutte le criptovalute non siano affatto valute ma asset speculativi”

02 settembre 2021 | 07.05
LETTURA: 3 minuti

Sul sito della Bce Klaus Schwab, presidente esecutivo del World Economic Forum, ha intervistato la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde che ha parlato anche delle criptovalute.

alternate text
- Fotogramma

L'intervista è articolata sulle quattro principali sfide da affrontare in questo momento: COVID-19, cambiamento climatico, inclusione e in particolare la parità di genere e, infine, la quarta rivoluzione industriale: “quanto bene possiamo sfruttare le nuove tecnologie in modo che possano servire e non danneggiare l'umanità”. Per quanto riguarda l'ultima parte dell'intervista, il problema posto è “come utilizziamo la tecnologia a beneficio dell'umanità e come collaboriamo insieme a livello globale. E voglio concentrarmi su un aspetto di questa rivoluzione che sono le valute digitali, o dovrei dire, le valute digitali decentralizzate come Bitcoin. Qual è la tua posizione su queste valute decentralizzate? Possono contribuire alla stabilità finanziaria, secondo te, o sono una minaccia?

“Penso che tutte le criptovalute o presunte criptovalute non siano affatto valute. Sono asset speculativi, la cui valutazione cambia nel corso del tempo. Si presentano come valute, cosa che non sono. Quindi penso che dovremmo tutti, nel settore finanziario e a livello normativo, chiamare le cose col loro nome. Un bene è un bene e deve essere regolamentato come tale, deve essere supervisionato dai regolatori e dalle autorità di vigilanza sui beni, ma non si deve affermare che è una valuta; non lo è”.

Per quanto riguarda, invece, le stablecoin, “sono dispositivi inventati da alcune delle grandi aziende tecnologiche, Facebook è sicuramente un esempio di spicco. Ce ne sono anche molti altri in giro. Le monete stabili fingono di essere una moneta, ma in realtà sono completamente associate a una valuta reale. Alcuni di loro affermano che possono essere utilizzate per le transazioni, ma il valore resta esattamente allineato al dollaro”. Chi emette moneta deve anche garantire alle persone di potere scambiarle con i dollari. E ciò deve essere verificato, supervisionato e regolamentato, “in modo che i consumatori e gli utenti di tali dispositivi possano essere effettivamente garantiti contro potenziali false dichiarazioni. Penso che la storia molto recente abbia dimostrato che quelle valute di riserva non erano sempre disponibili e liquide come avrebbero dovuto essere”.

La terza questione è quella delle valute digitali che la Banca centrale cinese ha sperimentato negli ultimi sette anni “e che la BCE ha deciso di sperimentare per i prossimi due anni prima di prendere la decisione finale di procedere. La Banca d'Inghilterra sta esaminando lo stesso tipo di approccio e presto la Fed pubblicherà un documento per determinare in che direzione andrà”. Alla Banca Centrale Europea, “crediamo che dovremo essere pronti e avere la tecnologia disponibile per rispondere alle richieste dei clienti. Se i clienti preferiscono utilizzare la valuta digitale piuttosto che avere a disposizione banconote e contanti dovremo rispondere a questa richiesta. E assicurarci di avere una soluzione basata sull'Europa, che sia sicura, che sia disponibile, che possa essere utilizzata anche come mezzo di pagamento a condizioni ragionevoli e che non metta a rischio l'intero sistema bancario”. Quindi “questo è il motivo per cui abbiamo deciso di andare avanti con un esperimento di due anni per assicurarci di poter effettivamente rispondere a tale domanda: disponibilità, sicurezza e protezione, facilita di utilizzo, costo economico e certezza di poter condurre affari riconosciuti e accettati non solo nell'area dell'euro ma in tutto il mondo”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza