cerca CERCA
Lunedì 05 Dicembre 2022
Aggiornato: 18:03
Temi caldi

Festival: grandi nomi alla regia e sul podio per il 38esimo Rof

21 giugno 2017 | 16.03
LETTURA: 5 minuti

alternate text
Una scena de 'La pietra del paragone'

Registi dalla forte personalità e direttori di grande prestigio. E' questa la cifra della 38esima edizione del Rossini Opera Festival, in programma a Pesaro dal 10 al 22 agosto prossimi. Come di consueto tre i titoli operistici in programma - 'Le siège de Corinthe', 'La pietra del paragone' e 'Torvaldo e Dorliska' - ai quali si aggiunge 'Il viaggio a Reims' del Festival giovane interpretato dagli allievi dell'Accademia Rossiniana 'Alberto Zedda', intestata al grande musicista e direttore d'orchestra scomparso lo scorso 6 marzo cui anche il Festival di quest'anno è dedicato.

Si inizia con un doppio debutto pesarese, quello di Carlus Padrissa e Lita Cabellut del celebre gruppo catalano La Fura dels Baus, e quello dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, diretta da Roberto Abbado per 'Le siège de Corinthe'. La prima opera francese di Rossini andrà in scena per la prima volta nel ricostruito testo originale (che include una ventina di minuti di musica in più), secondo l’edizione critica della Fondazione Rossini a cura di Damien Colas. In scena all'Adriatic Arena il 10, 13, 16 e 19 agosto sempre alle 19.00.

Il coro sarà quello del Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno. Nel cast, accanto a Nino Machaidze nel ruolo di Pamyra, debuttano al Rof Luca Pisaroni (Mahomet II), John Irvin (Cleomene), Sergey Romanovsky (Néoclès) e Carlo Cigni (Hiéros), cui si aggiungono giovani talenti formatisi negli ultimi anni all’Accademia Rossiniana quali Xabier Anduaga, Iurii Samoilov e Cecilia Molinari.

Seguirà il ritorno a Pesaro di Pier Luigi Pizzi, presenza storica della manifestazione, in una edizione scenicamente rielaborata de 'La pietra del paragone' (Adriatic Arena, 11, 14, 17 e 20 agosto, ore 20.00), un titolo che manca al Festival da ben quindici anni. Per questo allestimento l’edizione critica della partitura, realizzata nel 2002 da Patricia B. Brauner e Anders Wiklund, è stata rivista e aggiornata in occasione della pubblicazione del volume che avverrà entro l’anno in corso.

Sul podio Daniele Rustioni alla guida dell’Orchestra Sinfonica della Rai e del Coro del Teatro Ventidio Basso. Nella giovane e brillante compagnia di canto, nuova di zecca, debuttano Gianluca Margheri e William Corrò al fianco di ex-allievi dell’Accademia Rossinana ed ormai cantanti affermati come Aya Wakizono, Aurora Faggioli, Marina Monzó, Maxim Mironov, Davide Luciano e Paolo Bordogna.

Altro atteso ritorno quello di Mario Martone, che riprenderà, con un cast interamente rinnovato, 'Torvaldo e Dorliska' (Teatro Rossini, 12, 15, 18 e 21 agosto, ore 20.00), il fortunato spettacolo del 2006. Il giovane Francesco Lanzillotta dirigerà l’Orchestra Sinfonica G. Rossini e il Coro del Teatro della Fortuna 'M. Agostini' di Fano. Nei ruoli del titolo Dmitry Korchak e Salome Jicia, al loro fianco Nicola Alaimo, Carlo Lepore, Raffaella Lupinacci e Filippo Fontana.

Ultimo titolo operistico del 38esimo Rof, nell'ambito del 'Festival giovane', sarà 'Il viaggio a Reims' (Teatro Rossini, 14 e 16 agosto, ore 11.00), interpretato dagli allievi dell’Accademia Rossiniana 'Alberto Zedda' e diretto da Michele Spotti. In cartellone anche un fitto programma di concerti (Luca Pisaroni, Margarita Gritskova, John Irvin, Sergey Romanovsky e Michael Spyres, Ildar Abdrazakov, Rossinimania), incontri e iniziative varie.

Il Festival si concluderà con l'esecuzione dello 'Stabat Mater' (Teatro Rossini, 22 agosto, ore 20.30), con Daniele Rustioni sul podio dell'Orchestra Sinfonica della Rai e del Coro del Teatro Ventidio Basso, e un cast di solisti che vede Salome Jicia, Enkelejda Shkoza, Dmitry Korchak e Erwin Schrott. Il concerto sarà videotrasmesso in diretta in Piazza del Popolo a Pesaro.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza