cerca CERCA
Mercoledì 28 Settembre 2022
Aggiornato: 11:02
Temi caldi

Cina: rapporto Amnesty, boom commercio strumenti di tortura

23 settembre 2014 | 15.10
LETTURA: 3 minuti

E' boom del commercio di strumenti di tortura cinesi. Una ricerca realizzata da Amnesty International e da Omega Research Foundation denuncia "il florido commercio di strumenti di tortura prodotti dalle aziende cinesi e il collegamento tra questo export e le violazioni dei diritti umani in Africa e Asia". Come si legge in un comunicato della Ong internazionale, "oltre 130 aziende, a fronte di sole 28 di un decennio fa, sono attualmente coinvolte nella produzione e nel commercio di strumenti potenzialmente pericolosi destinati al mantenimento dell’ordine pubblico".

"Alcuni di essi - si legge ancora - come i manganelli elettrici, i bastoni acuminati e i congegni serra gambe, sono intrinsecamente crudeli e disumani e dovrebbero essere immediatamente proibiti. Altri strumenti, che potrebbero avere un utilizzo legittimo come i gas lacrimogeni, le pallottole di plastica e i veicoli antisommossa, vengono esportati dalla Cina in paesi dove vi è il rischio concreto che possano essere usati per compiere gravi violazioni dei diritti umani".

"Sempre più aziende cinesi stanno facendo profitti con il commercio di strumenti di tortura e di repressione, alimentando le violazioni dei diritti umani a livello mondiale", ha affermato Patrick Wilcken, ricercatore su commercio di materiali di sicurezza e diritti umani, sottolineando come "questo commercio, che procura immense sofferenze, è in pieno boom poiché le autorità cinesi non fanno nulla per impedire alle aziende di esportare questi disgustosi congegni o per impedire che strumenti destinati ad attività di polizia finiscano nelle mani di noti violatori dei diritti umani".

"Le aziende cinesi - si legge ancora - la maggior parte delle quali di proprietà statale, stanno conquistando quote sempre più ampie nel mercato globale degli strumenti per il mantenimento dell’ordine pubblico. La Cina è l’unico paese noto nel mondo per la produzione di bastoni acuminati, con punte di metallo disposte lungo la parte terminale o addirittura su tutta la lunghezza dello strumento". Dalle ricerche di Amnesty International e Omega Research Foundation "è emerso che 29 aziende cinesi pubblicizzano i bastoni elettrici".

Ma non è tutto: "decine di aziende cinesi producono e commerciano strumenti di costrizione come i congegni serra gambe o le sedie di contenimento. Un’azienda produce congegni che serrano il collo". Amnesty International e Omega Research Foundation hanno poi "rinvenuto prove dell’uso di manganelli elettrici di fabbricazione cinese da parte della polizia in Egitto, Ghana, Madagascar e Senegal".

"Alla crescita del commercio internazionale della Cina in strumenti di tortura e di repressione - si legge ancora - si è accompagnata la costante violazione dei diritti umani all’interno del Paese" e Amnesty International "ha documentato una lunga serie di forme di tortura fisica in Cina, compreso l’uso dei manganelli elettrici". Un sopravvissuto alla tortura ha dichiarato: "Loro [i poliziotti] mi colpivano col manganello elettrico sul volto, è quella tortura che la polizia chiama 'del popcorn', perché il viso ti si apre e sembra come il popcorn. Fa una puzza terribile, di pelle bruciata". Il rapporto, infine, mette in luce "l’ampio abuso degli strumenti meccanici di costruzione nei confronti dei detenuti in Cina".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza