cerca CERCA
Martedì 09 Agosto 2022
Aggiornato: 18:32
Temi caldi

Sanità: clinicamente morta aspetta bimbo, per giudice Irlanda si può staccare spina

27 dicembre 2014 | 11.52
LETTURA: 3 minuti

Secondo la Corte Suprema di Dublino, in Irlanda, mantenere i supporti vitali significa "privare la donna della dignità nella morte". Il caso fa discutere e richiama alla memoria 3 storie italiane a lieto fine. Tutte a Milano, l'ultima prima di Natale all'ospedale San Raffaele

alternate text

Un giudice di Dublino ha autorizzato l'interruzione dei supporti vitali per una donna di quasi 30 anni in morte cerebrale dal 3 dicembre scorso, ma incinta alla 18esima settimana di gestazione. Nonostante il feto fosse vivo, i familiari della donna avevano chiesto il distacco dei macchinari. Davanti al no dei medici che temevano conseguenze legali, il caso è stato sottoposto alla Corte Suprema che ha deciso di accogliere la richiesta dei parenti della giovane, già madre di due figli, poiché secondo il parere degli esperti le possibilità di sopravvivenza per il bimbo sarebbero basse.

"Mantenere e proseguire i supporti vitali significherebbe privare questa donna della sua dignità nella morte", recita la sentenza. Inoltre, "si sottoporrebbero il padre, il marito e i figli a uno stress inimmaginabile, in un futile esercizio cominciato solo per il timore, da parte dei medici, di incorrere in conseguenze legali". Il ministro della Sanità irlandese, Leo Varadkar, ha assicurato che analizzerà attentamente la sentenza e, rivolgendo le condoglianze alla famiglia della donna, ha chiesto il rispetto della privacy.

Il caso, riportato sui media internazionali, ha già iniziato a far discutere e richiama alla memoria una storia italiana che proprio nei giorni scorsi ha avuto un altro finale. Il 18 dicembre, all'ospedale San Raffaele di Milano, è nato il figlio di una donna in stato di morte cerebrale che i medici avevano tenuto attaccata alle macchine per far proseguire la gravidanza fino a che il feto fosse abbastanza maturo da poter venire alla luce.

Milanese, 36 anni, vittima di un'emorragia cerebrale mentre si trovava alla 23esima settimana di gestazione, la mamma era stata ricoverata nel Reparto di Neurorianimazione dell'Irccs di via Olgettina, dove per 9 settimane il suo corpo ha ricevuto supporti respiratori, cardiocircolatori e nutrizionali con l'obiettivo di raggiungere almeno la 28esima settimana di vita fetale. Arrivati alla 32esima, i medici hanno effettuato il cesareo. Alla nascita il bimbo pesava 1,8 kg ed era in buone condizioni generali.

Il capoluogo lombardo, nel 2006 e nel 2010, era stato al centro delle cronache per altre due vicende simili di cui si erano occupati i medici dell'ospedale Niguarda. Due donne clinicamente morte hanno fatto da 'incubatrici', tenute attaccate alle macchine per consentire la nascita di Cristina Nicole e Matteo. Oggi i bambini hanno 8 e 4 anni e stanno bene.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza