cerca CERCA
Mercoledì 08 Dicembre 2021
Aggiornato: 17:54
Temi caldi

Cogne, Cassazione: "Sì a ricorso della Procura, nuovo esame per domiciliari Franzoni"

11 febbraio 2015 | 19.25
LETTURA: 2 minuti

Secondo la Procura di Bologna la donna poteva proseguire la psicoterapia anche in carcere. La decisione della Suprema Corte rimette dunque in discussione la sua attuale situazione

alternate text
(Infophoto)

Annamaria Franzoni, la mamma di Cogne condannata nel 2008 a 16 anni di reclusione per l'omicidio del figlio Samuele, potrebbe non rimanere ai domiciliari. Lo ha stabilito la Prima sezione penale della Cassazione che, accogliendo il ricorso della Procura di Bologna che chiedeva che la Franzoni tornasse in carcere, ha disposto un nuovo esame davanti al tribunale di sorveglianza di Bologna. La Procura del capoluogo emiliano aveva fatto ricorso in Cassazione contro la decisione del Tribunale di sorveglianza di Bologna che, il 24 giugno 2014, ha concesso i domiciliari alla Franzoni vietandole di tornare a Cogne.

Annamaria Franzoni dal 2008 è stata detenuta nel carcere della Dozza; si trova ai domiciliari nella casa di Ripoli Santa Cristina dallo scorso 26 giugno. Secondo la Procura di Bologna la Franzoni poteva proseguire la psicoterapia anche in carcere. Oggi la decisione della Cassazione che, accogliendo il ricorso del pm di Bologna, rimette in discussione l'attuale situazione di Annamaria Franzoni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza