cerca CERCA
Lunedì 29 Novembre 2021
Aggiornato: 09:51
Temi caldi

Milano: con Open House porte aperte in 80 siti architettonici

05 maggio 2017 | 13.44
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Dopo il successo della prima edizione con oltre 14.000 visitatori, 75 siti architettonici aperti e 200 volontari, sabato 13 e domenica 14 maggio torna Open House Milano, evento parte del circuito internazionale Open House Worldwide, con un programma ricco di novità che aprirà le porte ad edifici usualmente non accessibili al pubblico per scoprire il patrimonio architettonico moderno e contemporaneo della città, osservare da vicino le trasformazioni in atto che stanno ridisegnando il suo skyline e promuovere la ricchezza artistica e culturale che caratterizza Milano dall’antichità in poi.

Un week end dedicato alla riscoperta dell’identità del capoluogo lombardo attraverso le sue stratificazioni architettoniche, scoprendo luoghi che fanno parte del quotidiano ma di cui non si conosce la storia, atelier d’artista, spazi privati e altri che per loro funzione solitamente non sono fruibili, il tutto grazie alle visite guidate e gratuite tenute dai progettisti stessi, studenti delle facoltà milanesi e cultori d’architettura. Diverse esclusive arricchiscono il circuito di Ohm di quest’anno come la sede del Corriere della Sera, lo studio Binocle all’interno del palazzo il Cremlino, il Collegio di Milano, la sede della Rai, Casa Rossi, Grattacielo Milano e tante altre opportunità da non perdere che permetteranno di scoprire una Milano ancora più affascinante. Il programma consente di tracciare itinerari d’eccezione tra contemporaneo e moderno in ciascuno dei sei sestieri in cui Milano era anticamente divisa - Sestiere di Porta Orientale, Romana, Ticinese, Vercellina, Nuova e Comasina - sulla base dei quali Ohm ha delineato i vari percorsi di visita.

Più di 80 capolavori in tutto, ad accesso libero o su prenotazione a partire dal 3 maggio (www.openhousemilano.org), da visitare anche seguendo i percorsi tematici proposti per evidenziare l’evoluzione della città dal punto di vista sociale e culturale. Da non perdere, tra gli edifici di rilevanza storica, Palazzo Visconti, Palazzo Melzi D’Eril e il Rifugio Antiaereo di Piazza Grandi, lo Studio Museo Francesco Messina, Palazzo Archinto e Villa Schleibler etc. tra i siti di interesse culturale, la galleria Lia Rumma e la galleria Francesca Minini nel percorso legato all’arte contemporanea.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza