cerca CERCA
Sabato 04 Dicembre 2021
Aggiornato: 17:14
Temi caldi

Ict: con Taskhunters il 'lavoretto'per studenti è a portata di app

15 giugno 2017 | 14.23
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Taskhunters, l’app che permette agli studenti universitari di svolgere lavori temporanei per privati e aziende, non si accontenta di aver superato, in circa 10 giorni, il primo obiettivo economico (80mila euro) della raccolta fondi equity sul portale CrowdFundMe: ora punta alla cifra di 200mila, da ottenere in meno di un mese.

A quasi un anno dal suo lancio, a Milano, Taskhunters (app per iOS e Android e presto sito web) può contare oltre 11mila iscritti, 1.135 tasker (profili di studenti) verificati e 850 task (ossia le aziende che pubblicano una richiesta o un compito) aperti. A inizio maggio erano 8.000 gli iscritti, con 700 studenti e 500 i task. In più, nei primi 37 giorni di campagna di crowdfunding il servizio è sbarcato nella città di Torino, ha registrato 800 nuovi iscritti e ha lanciato la versione Beta di Taskhunters for business, già testata da una trentina di aziende.

Risultati da festeggiare e incrementare, in vista del nuovo ambizioso obiettivo dei 200mila euro. “Siamo veramente soddisfatti per la crescita straordinaria di Taskhunters in questo ultimo mese e stiamo ricevendo migliaia di richieste per attivare il servizio in molte altre città italiane”, dichiara Lorenzo Teodori, amministratore delegato e fondatore di Taskhunters.

“Chi usufruisce di questa tecnologia lo fa per la sua effettiva validità -spiega Teodori- ma anche perché darà un ritorno positivo alla nostra società, contribuendo alla formazione lavorativa futura degli studenti. Puntiamo, ora, al nuovo traguardo di 200mila euro, fondamentali per diffondere ulteriormente la nostra applicazione e renderla più sicura, grazie a una polizza assicurativa stipulata a vantaggio dei nostri utenti”.

Progetto di successo della scuderia di Digital Magics, business incubator quotato su Aim Italia di Borsa Italiana (che l’ha lanciato come sua prima campagna di equity crowdfunding), Taskhunters è la prima piattaforma in Europa che permette agli studenti universitari di svolgere lavori temporanei per privati e aziende, uno strumento più flessibile ed efficace rispetto alle classiche agenzie di staffing, grazie al quale i giovani possono fare le loro prime esperienze nel mondo del lavoro.

Da un lato, gli universitari (i tasker) si iscrivono alla piattaforma arricchendo il profilo con le proprie esperienze formative ed extra-scolastiche. Dall’altro, i privati e le aziende possono pubblicare una richiesta o compito (task), specificando le loro necessità. La piattaforma aiuta le parti a mettersi in contatto e a trovare un accordo in termini di modalità di svolgimento del task e compenso. Il pagamento avviene on line e Taskhunters trattiene una commissione sulla singola transazione. Per saperne di più sulla campagna di crowdfunding, in corso fino a inizio luglio: https://www.crowdfundme.it/projects/taskhunters/.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza