cerca CERCA
Martedì 28 Settembre 2021
Aggiornato: 09:19
Temi caldi

Confindustria, Boccia: "La ripresa non c'è, servono riforme e produttività"

26 maggio 2016 | 10.54
LETTURA: 5 minuti

alternate text

Crescita, riforme e produttività. Sono le parole chiave su cui punta il neo presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, indicando la strada per "tornare a un Paese autorevole", in un contesto in cui "l'economia è ripartita ma la risalita è modesta e deludente". Il nuovo numero uno di Viale dell'Astronomia, nella sua prima assemblea fra commozione, applausi e citazioni, si rivolge soprattutto ai due interlocutori 'naturali' che ha di fronte, il Governo e i sindacati. Da una parte chiede "politiche di qualità e non favori"; dall'altra mostra disponibilità al dialogo ma chiarisce che lo scambio fra salari e produttività "è l'unica strada percorribile". Comune denominatore, le riforme. Quelle economiche e anche quella costituzionale, con "il superamento del bicameralismo", obiettivo dal 2010 indicato da Confindustria, ormai "a portata di mano". (FOTO)

Pil. "La nostra economia è senza dubbio ripartita. Ma non è ancora 'ripresa'. E' una risalita modesta, deludente, che non ci riporterà in tempi brevi ai livelli pre recessione. Le conseguenza della doppia caduta della domanda e delle attività produttive sono ancora molto profonde". Una situazione che impone importanti sfide proprio a cominciare dagli imprenditori: "per risalire la china - sottolinea - dobbiamo attrezzarci al nuovo paradigma economico. Noi imprenditori dobbiamo costruire un capitalismo moderno fatto di mercato, di apertura ai capitali e di investimenti nell'industria del futuro".

Riforme. Avanti con forza sulla strada delle riforme. Un percorso obbligato se l'Italia vuole tornare ad essere un Paese autorevole. A indicarlo è Boccia in un ampio passaggio della sua relazione dedicato all'Europa. E in un'Europa che "sembra scricchiolare", "molte e complesse sono le azioni da intraprendere" e, evidenzia, "in questo processo l'Italia deve poter giocare un ruolo all'altezza della sua storia e dell'Europa che sogniamo".

Referendum. "Confindustria si batte fin dal 2010 per superare il bicameralismo perfetto e riformare il titolo V della Costituzione. Constatiamo con soddisfazione che oggi vediamo che questo traguardo è a portata di mano", evidenzia il presidente di Confindustria. "La nostra posizione e le conseguenti azioni sul referendum verrano decise nel Consiglio generale convocato per il 23 giugno", prosegue, aggiungendo come "una democrazia moderna prevede che chi si oppone a una riforma, a un governo o a una misura avanzi proposte alternative subito praticabili e non usi l'opposizione solo per temporeggiare".

Conti pubblici. "Servono manovre di qualità. Politiche a saldo zero ma non a costo zero. E questo senza creare nuovo deficit perché con il debito non si costruisce una crescita duratura". E' questa la strada in tema di politiche di bilancio disegnata dal neo presidente di Confindustria. "In generale, nella gestione del bilancio pubblico, non chiediamo scambi né favori, ma politiche per migliorare i fattori di competitività", aggiunge.

Fisco. "Spostare il carico fiscale, alleggerendo quello sul lavoro e imprese e aumentando quello sulle cose". Questa per il presidente di Confindustria la strada che il governo dovrebbe seguire sul fisco finanziando l'intervento di ridimensionamento delle aliquote fiscali "con la revisione delle tax expenditure e la diminuzione dell'evasione". "La competizione tra paesi si gioca anche sul fisco", ammonisce ancora. Per questo va bene la riduzione Ires al 24% dal 2017 che però "non basta", aggiunge. "Ricordiamo che l'Italia ha la non invidiabile anomalia dell'elevata imposizione locale sui fattori di produzione. Un'imposizione che da noi, al contrario degli altri paesi, è deducibile solo in minima parte", prosegue.

Contratto. Il confronto sul modello contrattuale partirà appena conclusa la stagione dei rinnovi. E al centro, come unica strada praticabile, dovrà esserci lo scambio salari-produttività, "l'unica strada praticabile". Boccia si rivolge ai leader di Cgil Cisl e Uil e fissa il prossimo appuntamento per l'avvio di una trattativa attesa da tempo. "A malincuore abbiamo accettato la decisione dei sindacati di arrestare questo processo per dare precedenza ai rinnovi dei contratti collettivi nel quadro delle vecchie regole, lasciando così ai singoli settori il gravoso compito di provare a inserire elementi di innovazione. Adesso non si può interferire con i rinnovi aperti", dice fissando un paletto preciso.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza