cerca CERCA
Mercoledì 18 Maggio 2022
Aggiornato: 01:00
Temi caldi

Consulcesi, ddl per soluzione contenzioso medici specializzandi-Stato

01 aprile 2014 | 15.46
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Roma, 1 apr. (Adnkronos Salute) - Un disegno di legge che potrebbe risolvere definitivamente il contenzioso tra medici specializzandi e lo Stato. L'obiettivo del ddl presentato oggi al Senato, primi firmatari i senatori Luigi D'Ambrosio Lettieri, Andrea Augello e Piero Aiello, e' il riconoscimento della rivalutazione periodica della borsa di studio, delle coperture previdenziali, assicurative e delle differenze contributive, come previsto dalle direttive Ue.

Nel testo del ddl, 'Estensione dei benefici normativi ai medici specializzandi ammessi alle scuole di specializzazione universitarie negli anni dal 1993 al 2005', e' previsto un indennizzo forfettario di 13 mila euro per ciascun anno di durata legale della scuola di specializzazione universitaria in medicina ai medici che avranno aderito ad una causa di rimborso per il riconoscimento di quanto dovuto, come sancito dalle norme Ue.

"Il ddl vuole porre rimedio alle disparita' di trattamento tra generazioni di medici specializzandi in passato e i colleghi piu' giovani - afferma Marco Tortorella, legale di Consulcesi (l'associazione italiana per la tutela e la difesa dei diritti dei professionisti della sanita') - Un situazione che si e' venuta a creare a causa del ritardo con cui lo Stato si e' adeguato alle direttive Ue. Oggi gli specializzandi prendono una retribuzione di circa 25-35mila euro all'anno e sono inquadrati con un contratto specifico introdotto nel 1999 ma poi subito sospeso. Cosi' e' stato fino al 2006, ovvero lo Stato fino a quella data non ha recepito quanto stabilito dall'Ue e gli specializzandi sono stati retribuiti con una borsa di studio di 11 mila euro senza altre garanzie previdenziali e assicurative".

"Alla vigilia delle elezioni credo che vada fatta una riflessione - sottolinea il senatore D'Ambrosio Lettieri - che ci spinge a guadagnare sull'omogeneità' dei comportamenti. L'Italia sul riconoscimenti dei diritti maturati sul lavoro da parte dei medici specializzandi e' stata negligente. Se lo stato approvasse questo ddl le casse risentirebbero meno del peso delle cause. Abbiamo offerto - continua il senatore - all'aula un testo per punto di partenza che puo' intercettare l'attenzione del Governo e del Parlamento".

"Negli anni - affermano gli esperti di Consulcesi - si e' aperto un contenzioso tra i medici che si sono rivolti alla giustizia per vedersi riconoscere la remunerazione loro spettante e lo Stato. Il ddl proposto ha proprio l'obiettivo di trovare un compromesso tra le giuste richieste dei professionisti e la necessita' di contenere l'esborso da parte delle casse pubbliche". Secondo Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi "oggi piu' di ieri l'Italia e la sua sanita', che rappresentano un'eccellenza, hanno bisogno di essere tutelate. E il ddl va in questa direzione".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza