cerca CERCA
Giovedì 02 Dicembre 2021
Aggiornato: 17:41
Temi caldi

Lavoro: Consulenti, 35.000 posti disponibili da subito che nessuno chiede

07 agosto 2014 | 15.22
LETTURA: 2 minuti

Secondo una rilevazione svolta dalla Fondazione Studi dei consulenti del lavoro, sono tantissime le offerte di impiego per le figure di commessi, gelatieri, pasticcieri e pizzaioli, che i datori di lavoro hanno difficoltà a trovare.

alternate text

I datori di lavoro hanno difficoltà a trovare le figure richieste, in contrasto con la disoccupazione giovanile giunta al record storico. E' quanto emerge dall’indagine svolta da Fondazione studi del Consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro.

Dai dati raccolti con il sondaggio svolto nel primo trimestre del 2014, presso gli iscritti all’Ordine, risultano essere 35.000 i posti disponibili che nessuno cerca e che nessuno vuole. Per questo motivo, nell’Italia della Youth Guarantee, dove dovranno essere investiti in modo intelligente 1,5 miliardi di euro, è opportuno studiare tutte le criticità legate a un mercato del lavoro che non corrisponde più alle reali esigenze del sistema e che conta oggi 3 milioni e 153 mila disoccupati.

Dall’indagine risulta che per i cosiddetti 'posti in piedi', cioè quelli da svolgere manualmente, continua a sussistere un altissimo livello d’offerta, al quale non corrisponde altrettanta domanda: si tratta di gelatieri, pasticcieri e pizzaioli. Poi è stato esaminato il comparto agricolo, dove si verifica un duplice fenomeno: a fronte di una crescita del 2% di aziende agricole guidate da giovani, di aziende 'made in' e green economy, esiste una difficoltà a reperire raccoglitori stagionali di frutta e ortaggi e di trebbiatori.

Ma l’indagine non si ferma qui. L’analisi prosegue per i lavori specializzati (mancano 230 mila specialisti in informatica, tlc e e-business), per il settore 'cura alla persona e salute' (mancano 60.000 infermieri e il lavoro domestico è coperto da stranieri).

Un’indagine a 360 gradi, quindi, quella di Fondazione studi, che fa emergere anche i valori e le percentuali delle figure più difficili da trovare nel primo trimestre del 2014: commessi, camerieri, parrucchieri ed estetiste, informatici e tematici, contabili, elettricisti, meccanici d’auto, tecnici di vendita, idraulici e posatori di tubazioni, baristi, infermieri, pizzaioli.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza