cerca CERCA
Mercoledì 03 Marzo 2021
Aggiornato: 15:35
Temi caldi

Crisi governo

Conte al Quirinale, incontro con Mattarella

20 gennaio 2021 | 17.15
LETTURA: 2 minuti

Il premier meno di un'ora al Colle per riferire sugli esiti della fiducia al governo dopo il voto in Senato

alternate text
Fotogramma
(Adnkronos)

Un incontro interlocutorio. Laconiche le valutazioni che emergono sul colloquio al Quirinale tra il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, salito al Colle per riferire al Capo dello Stato le sue valutazioni dopo la due giorni a Camera e Senato conclusasi con l'incasso della fiducia, al di sotto della maggioranza assoluta però a Palazzo Madama. L'incontro è durato poco meno di un'ora, Conte è poi rientrato a Palazzo Chigi.

Leggi anche

Il premier avrebbe esposto quanto emerso durante il vertice di maggioranza con i capi delegazione e i leader di partito, vale a dire la volontà di allargare il perimetro della coalizione. Un obiettivo che richiede naturalmente un lavorio di alcuni giorni, durante il quale il capo dell'esecutivo sarebbe intenzionato a mantenere l'interim all'Agricoltura, prima di prendere decisioni complessive sulla squadra di governo.

Mattarella avrebbe soprattutto ascoltato, anche se la posizione del Capo dello Stato è nota: geloso custode del suo ruolo di arbitro e rispettoso delle dinamiche politiche e istituzionali relative al rapporto tra governo e Parlamento, non può tuttavia evitare di sottolineare la necessità di non perdere tempo, perché il Paese ha bisogno di un esecutivo con una maggioranza coesa, in grado di rispondere ai drammatici problemi posti dalla pandemia sul piano economico, sanitario e sociale. Un'esigenza che, come affermato più volte, chiama in causa la responsabilità di tutte le forze politiche, sociali ed istituzionali, ciascuno nel suo ruolo.

Quindi Conte verifichi se effettivamente ci sono margini per poter continuare la sua esperienza a palazzo Chigi, ma certo l'attesa non può essere infinita. Anche perché il centrodestra continua a premere sul Capo dello Stato, pronto a chiedere udienza al Quirinale per "rappresentare al Presidente della Repubblica il proprio punto di vista sulla situazione che è ormai insostenibile".

Non solo. Esponenti dell'opposizione continuano a ripetere che all'indomani delle elezioni non fu consentito al centrodestra di verificare la possibilità di formare un governo, come ha ricordato oggi Fabio Rampelli, riportando quanto i leader affermarono durante le consultazioni. Altri, invece, come Maurizio Gasparri, sottolineano che nel 2011 Silvio Berlusconi fu sollecitato a dimettersi, dopo che alla Camera il governo aveva ottenuto il via libera sul rendiconto generale dello Stato con 308 voti, al di sotto della maggioranza assoluta.

Erano le settimane dello spread impazzito e l'8 novembre l'allora premier, insieme al sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, si recò al Quirinale e al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, manifestò "la sua consapevolezza delle implicazioni del risultato del voto alla Camera". Il premier inoltre espresse "viva preoccupazione per l'urgente necessità di dare puntuali risposte alle attese dei partner europei con l'approvazione della legge di Stabilità".

"Una volta compiuto tale adempimento", Berlusconi assicurò che avrebbe rimesso il suo mandato. Dimissioni che arrivarono il 12 novembre successivo, seguite dalla nascita del governo Monti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza