cerca CERCA
Giovedì 02 Dicembre 2021
Aggiornato: 08:54
Temi caldi

Nomine Ue, Conte a Bruxelles

30 giugno 2019 | 19.30
LETTURA: 3 minuti

Il presidente del Consiglio a Bruxelles per le nomine Ue: "'Italia rivendica commissario economico di peso. Valuteremo candidatura Timmermans". Bettel: "Nome stanotte o domani"

alternate text
(Afp)

L'Italia valuterà la candidatura del laburista olandese Frans Timmermans come presidente della Commissione, ma quello che conta è "l'equilibrio" del pacchetto complessivo delle nomine Ue. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a Bruxelles a margine del Consiglio Europeo. "In modo previdente - afferma il premier - ho dormito stamattina qualche ora in più. Sono arrivato questa notte, mi sono preparato ad una lunga maratona: ci sono delle proposte, si parla di Frans Timmermans come presidente della Commissione. E' una candidatura che valuteremo".

"Ma all'Italia - continua - interessa che siano forti personalità, che sappiano interpretare questo momento critico per l'Unione, che sappiano contribuire a costruire un'Europa più forte, un'Europa più solida, quindi non vedo l'ora di un confronto costruttivo. Cercheremo tutti insieme di trovare le soluzioni migliori. L'importante è una logica di pacchetto, che l'intera composizione appaia equilibrata, rispettando tutti i criteri, anche il genere e la dislocazione geografica equilibrata", spiega Conte. "Sono qui per difendere gli interessi degli italiani: in questo momento storico, in questa congiuntura, nell'avvio di una nuova legislatura - spiega ancora - il modo migliore per difendere gli interessi degli italiani è rivendicare un portafoglio economico di peso" nella Commissione Europea.

Il presidente del Consiglio ha poi sentito al telefono il vicepremier Luigi Di Maio. Al centro del colloquio, a quanto si apprende, le nomine al vertice dell'Ue e la procedura di infrazione.

BETTEL - "Stanotte o al più tardi domattina ci sarà una soluzione sul tavolo" per le nomine dei vertici Ue, "e questo è ciò che conta". Lo ha previsto il premier lussemburghese Xavier Bettel, arrivando a Bruxelles per il Consiglio Europeo straordinario sulle nomine. "Abbiamo davanti una lunga notte - ha continuato - l'importante è che troviamo un accordo, e questo può avvenire rapidamente o meno". "Ci sarà un progresso decisivo questa notte - ha aggiunto Bettel - ne sono convinto. La notte ha molte ore, fino a domani: sono convinto che troveremo una soluzione per un candidato che abbia le chances" per riuscire a fare bene il presidente della Commissione. "Sarei lieto se riuscissimo stanotte ad avere un pacchetto equilibrato: se abbiamo due uomini, sarei contento di avere anche due donne".

"E la Bce - ha continuato Bettel - potrebbe essere una delle cariche in cui avere una donna. E' una possibilità. I partiti proeuropei hanno vinto le elezioni; sarebbe un disastro se non riuscissimo ad avere una soluzione nei prossimi giorni o nelle prossime settimane. Non sarebbe un disastro se non riuscissimo ad averla nelle prossime ore, ma sono convinto che stanotte la avremo", ha concluso.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza