cerca CERCA
Mercoledì 22 Settembre 2021
Aggiornato: 03:30
Temi caldi

Continental: in 2014 Ebit rettificato oltre 11%, vendite a 34,5 mld

13 gennaio 2015 | 15.36
LETTURA: 3 minuti

Il Gruppo Continental chiude il 2014 con risultati positivi nonostante la debolezza del mercato. Il colosso tedesco ha infatti registrato un margine EBIT rettificato di oltre l'11% con vendite di forniture automotive internazionali, della produzione di pneumatici e dei partner industriali in crescita sul 2013 per un valore vicino ai 34,5 miliardi di euro.

alternate text

Il Gruppo Continental chiude il 2014 con risultati positivi nonostante la debolezza del mercato del ricambio pneumatici durante il quarto trimestre. Il colosso tedesco ha infatti registrato un margine EBIT rettificato di oltre l'11% con vendite di forniture automotive internazionali, della produzione di pneumatici e dei partner industriali in crescita sul 2013 per un valore vicino ai 34,5 miliardi di euro. Un dato peraltro su quale hanno avuto un impatto negativo gli effetti dei tassi di cambio per circa 500 milioni di euro.

"Complessivamente, lo scorso anno abbiamo proseguito il nostro trend positivo, nonostante la debole crescita in Europa, Russia e Sud America" ha dichiarato al Motor Show di Detroit il Chairman di Continental Executive Board, Elmar Degenhart durante la presentazione dei primi dati. "Abbiamo raggiunto tutto ciò nonostante l'ulteriore incertezza, in aggiunta alle tendenze di un mercato instabile, legata in alcuni casi alle notevoli fluttuazioni del tasso di cambio e in altri, come si è visto recentemente, al calo del prezzo del petrolio. L'EBIT rettificato che supera i 3,8 miliardi di euro - ha aggiunto Degenhart - è un'ulteriore prova delle eccezionali prestazioni raggiunte ancora una volta dai nostri oltre 190.000 dipendenti".

Per il 2015 il Chairman di Continental stima un aumento delle vendite intorno al 5%, pari a olter 36 miliardi di Euro. "Con questo vogliamo confermare ancora una volta la doppia cifra del nostro margine EBIT rettificato", ha concluso Degenhart, sottolineando come tale stima non comprenda ancora gli effetti di consolidamento dell'acquisizione dell'azienda americana Veyance.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza