cerca CERCA
Martedì 17 Maggio 2022
Aggiornato: 14:22
Temi caldi

Coppa Italia, vedova Raciti: "Ho visto debolezza vertici Stato". Renzi la chiama: "Grazie, mi sento meno sola"

04 maggio 2014 | 17.24
LETTURA: 3 minuti

alternate text

''Sono molto amareggiata e addolorata, umiliata e offesa. Indignata. Sono indignata. Mio marito era un servitore dello Stato che ha indossato la divisa a 19 anni, con onore. E' morto così, con quell'onore. E non si deve dimenticare. Nessuno si deve permettere di umiliare quel sacrificio e disprezzare i poliziotti che ogni giornio escono da casa senza sapere se torneranno''. Così all'Adnkronos Marisa Grasso, la vedova dell'ispettore capo di Polizia Filippo Raciti , morto il 2 febbraio del 2007 nello stadio di Catania, che ieri sera in tv ha visto la maglietta indossata dal capo ultras del Napoli, Genny, detto 'a Carogna', con la scritta 'Speziale libero' durante la finale di Coppa Italia vinta poi dal Napoli contro la Fiorentina.

''Ieri - rimarca Marisa Grasso Raciti - ho visto la debolezza dei vertici dello Stato nel vedere quell'individuo sugli spalti a dettare legge. E con quella maglietta in mostra sugli spalti, che portava la scritta di un assassino. Nessuno ha detto niente: una vergogna''. ''Ho subito un calvario giudiziario di 6 anni - spiega ancora - chiedendo giustizia per un uomo amazzato. C'è stata una condanna, nessuno si può permettere di indossare una maglietta con il nome di un assassino''.

Marisa Grasso si commuove: ''Mia figlia Fabiana mi ha detto che è stanca di vivere in questo Paese, vuole andare via dall'Italia. Non è giusto subire sempre. Eppure il prmeier Matteo Renzi era lì all'Olimpico a vedere la partita. E allo stadio c'erano anche il presidente del Senato, Pietro Grasso e altri vertici dello Stato. Non ho ricevuto nessuna telefonata di solidarietà, se fosse scappato il morto sarebbero corsi ai funerali. Io - conclude la donna - sono onorata di essere stata la moglie di Filippo Raciti: voglio rispetto per la sua memoria''.

Ma nel tardo pomeriggio è arrivata la telefonata del presidente del Consiglio Renzi e non solo. "Mi ha chiamato prima il ministro dell'Interno Alfano, poi ho ricevuto la telefonata del premier Renzi. Mi ha chiamato con il suo numero privato e mi ha detto: 'Sono Matteo Renzi'. Non me l'aspettavo. Ha espresso soidarietà per quanto accaduto ieri, vicinanza a me e ai miei figli'', ha detto all'Adnkronos la Grasso aggiungendo: ''Mi hanno chiamato anche il presidente del Senato Pietro Grasso e Maurizio Gasparri. Ho apprezzato tutti, mi fanno sentire meno sola. Ho ricevuto anche la telefonata del capo della Polizia, Alessandro Pansa, ci incontreremo presto a Roma''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza