cerca CERCA
Martedì 28 Giugno 2022
Aggiornato: 16:46
Temi caldi

Corona resta in carcere più a lungo

12 novembre 2019 | 13.05
LETTURA: 1 minuti

Annullato il periodo di affidamento tra febbraio e novembre 2018. Il difensore impugnerà la decisione: "Il provvedimento che non tiene conto delle sentenze di merito di assoluzione già definitive"

alternate text
(Fotogramma)

Il tribunale di Sorveglianza di Milano ha annullato il periodo tra febbraio e novembre 2018 che Fabrizio Corona aveva scontato in affidamento stabilendo che questa volta dovrà scontarli in carcere. Lo conferma il suo difensore Ivano Chiesa. Corona è dietro le sbarre dal 25 marzo scorso. Il tribunale, che dopo l'udienza della scorsa settimana si era riservato, ha accolto dunque la richiesta della procura generale.

"Sono senza parole, certo che impugno". Questo il commento a caldo del difensore di Corona, l’avvocato Ivano Chiesa dopo la decisione del tribunale di Sorveglianza di Milano. "E' un provvedimento che non tiene conto delle sentenze di merito di assoluzione già definitive", conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza