cerca CERCA
Venerdì 22 Gennaio 2021
Aggiornato: 13:47

Coronavirus: Anir, da Anac ok a rinegoziazione contratti mense, ora governo intervenga

04 dicembre 2020 | 13.07
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Massimiliano Fabbro, presidente Anir Confindustria
Roma, 4 dic. (Labitalia)

“L’Autorità nazionale anticorruzione ha espresso un importante parere, con delibera 1022 del 25 novembre scorso, riconoscendo l’incidenza dell’emergenza sanitaria sui contratti in essere relativi ai servizi di ristorazione collettiva. Vista la necessità di applicare le norme anticontagio, le imprese che si occupano di gestire le mense hanno dovuto adeguarsi ai protocolli di sicurezza anti-Covid come pure fronteggiare richieste ulteriori da parte dei committenti. Questi aspetti, ha rilevano l’Anac, rappresentano il presupposto per riscontrare una variante in corso d’opera per ‘circostante impreviste ed imprevedibili’, così come stabilito dal codice degli appalti. Si tratta di un segnale importante per andare incontro alle imprese che hanno visto stravolgere le modalità di esecuzione e i costi degli appalti per servizi di ristorazione collettiva che hanno maggiormente risentito della crisi pandemica". E' quanto dichiara Massimiliano Fabbro, presidente di Anir-Confindustria, l’associazione nazionale imprese dei servizi di ristorazione collettiva aderente alla federazione Confindustria Servizi Hcfs.

"Se pensiamo alle mense nelle scuole, negli uffici, negli ospedali o nei presidi militari, l’organizzazione è stata rivoluzionata per garantire servizi sicuri. Ma le imprese, per adeguarsi a questo, hanno affrontato situazioni non previste negli appalti stipulati in epoca pre-Covid, lasciando inalterata la natura del contratto", spiega Fabbro.

Per Anir Confindustria "che ha chiesto fortemente un chiarimento dall’Anac, si tratta di una grande risultato, che ci aspettiamo sia accompagnata anche da altre misure di carattere governativo (in sede di bilancio o nella definizione di ulteriori ristori) per consentire alle imprese della ristorazione di superare la crisi e ridisegnare la propria identità in funzione delle mutate dinamiche lavorative nel nostro Paese. Il parere Anac ci consente ora, all’interno della nostra rappresentanza, di avviare un dialogo con le amministrazioni centrali dello Stato per valutare le opportune varianti e rinegoziazioni, mentre con altri enti queste istanze erano già state positivamente valutate e messe in atto", conclude Fabbro.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza