cerca CERCA
Martedì 04 Ottobre 2022
Aggiornato: 19:40
Temi caldi

Coronavirus, Confartigianato Roma a Zingaretti: "Aprire parrucchieri ed estetisti il 18/5"

29 aprile 2020 | 11.24
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Fotogramma)

La decisione del Governo di procrastinare l’apertura del mondo del Benessere al 1° giugno rischia di produrre danni irreparabili al settore. Abbiamo calcolato che nella sola Regione Lazio, in questi mesi di inattività, le imprese abbiano perso circa 150 milioni di fatturato e solo di affitti dei saloni abbiano dovuto corrispondere ai locatari tra i 9 e i 12 milioni di euro. Se a questo aggiungiamo i costi fissi non comprimibili, si rischia di superare i 15 milioni di euro. Chiediamo al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, di utilizzare tutti gli strumenti costituzionali (competenza delle Regioni nella disciplina del Commercio e dell’Artigianato), così come impiegati da altre Regioni, per permettere la riapertura del mondo del Benessere a partire dal 18 maggio, unitamente alle altre attività". Così in una nota Andrea Rotondo, presidente di Confartigianato Roma.

"Nel frattempo, ci impegniamo a collaborare con le aziende affinché possano, nel più breve tempo possibile, disporre di tutti quegli strumenti (tecnologie, materiale informativo, formazione e quant’altro) in grado di migliorare la sicurezza. Abbiamo inoltre presentato al presidente della Regione le linee guida per la fase della ripartenza. Il mondo del Benessere - prosegue la nota - operando nel rispetto delle regole generali indicate nel Protocollo condiviso dalle organizzazioni datoriali e sindacali per la Sicurezza negli ambienti di lavoro del 24 aprile, implementato con misure specifiche del settore, potrà certamente garantire la sicurezza sia dei clienti che dei lavoratori del settore”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza