cerca CERCA
Venerdì 28 Gennaio 2022
Aggiornato: 07:49
Temi caldi

Coronavirus, Fmi approva riduzione debito 25 Paesi

14 aprile 2020 | 07.33
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(AFP) - AFP

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha approvato l'immediata riduzione del debito per 25 paesi membri come parte della sua risposta per aiutare ad affrontare l'impatto della pandemia COVID-19. "Questo fornisce sovvenzioni ai nostri Paesi membri più poveri e vulnerabili per coprire i loro obblighi di debito verso il Fmi per una fase iniziale nei prossimi sei mesi e li aiuterà a incanalare le loro scarse risorse finanziarie verso gli sforzi per l'emergenza medica vitale e di altri soccorsi", ha spiegato Kristalina Georgieva, direttore generale del Fmi.

Secondo il Fmi, i Paesi che riceveranno l'alleggerimento del debito includono Afghanistan, Benin, Burkina Faso, Repubblica Centrafricana e altri, secondo il Fondo Monetario Internazionale (Fmi), che, secondo Georgieva, ha rinnovato il Catastrophe Containment and Relief Trust (Ccrt), consente al Fmi di erogare sovvenzioni per l'alleggerimento del debito a favore dei paesi a basso reddito ammissibili, a seguito di catastrofici disastri naturali e di gravi emergenze di salute pubblica che si stanno diffondendo rapidamente.

"Esorto gli altri donatori ad aiutarci a ricostituire le risorse del Trust e ad aumentare ulteriormente la nostra capacità di fornire un ulteriore alleggerimento del servizio del debito per due anni ai nostri paesi membri più poveri", ha detto Georgieva.

Il numero uno del Fmi già la settimana scorsa aveva evidenziato che è già chiaro che la crescita globale diventerà "fortemente negativa" nel 2020. Georgieva ha osservato che ''solo tre mesi fa il Fmi si aspettava una crescita positiva del reddito pro capite in oltre 160 dei suoi paesi membri nel 2020, ma ora prevede che oltre 170 paesi registreranno una crescita negativa del reddito pro capite quest'anno. Questa crisi non conosce confini. Tutti soffrono", ha spiegato Georgieva, osservando che si prevede che la crisi colpirà più duramente i paesi vulnerabili.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza