cerca CERCA
Sabato 02 Luglio 2022
Aggiornato: 07:19
Temi caldi

Coronavirus in laboratorio? La risposta dei virologi di Wuhan

18 febbraio 2020 | 10.47
LETTURA: 2 minuti

Cospirazioni e smentite sulla natura della diffusione in Cina del COVID-19

alternate text
(Afp)

Cospirazioni, smentite, fake news. Mentre continua a salire il bilancio dei morti del nuovo coronavirus, molte ombre aleggiano ancora sulla natura della diffusione in Cina del COVID-19. Dopo l'ultima notizia secondo cui la creazione dell'agente patogeno avvenuta in un laboratorio di Wuhan, alcuni scienziati sono intervenuti per smentire i rumors degli ultimi giorni.

Ultima, in ordine di tempo, Chen Quanjiao, ricercatrice dell’Istituto di virologia di Wuhan che ha chiesto di fare "attenzione alle cospirazioni e alle attività di sabotaggio". La dichiarazione è arrivata dopo che sul social network cinese Sina Weibo è diventata virale la notizia seconda la quale Chen aveva dichiarato pubblicamente che Wang Yany, capo dell’istituto, ha fatto trapelare il coronavirus. "Non ho mai detto nulla di simile e sono indignata verso le persone che hanno utilizzato la mia identità per produrre questa falsa notizia. Perseguirò un'azione legale contro chi ha diffuso queste voci", ha detto Chen secondo quanto riferito dai media cinesi.

Ma non è la prima volta che l’Istituto di virologia di Wuhan e i suoi ricercatori si trovano al centro delle teorie cospirative sulla diffusione del COVID-19. Qualche giorno prima, infatti, l’istituto ha dovuto smentire le voci secondo cui la prima persona a contrarre la malattia, o paziente zero, proveniva dal centro scientifico. "Huang Yanling si è laureata presso l'istituto nel 2015 con un master. Da allora ha lavorato in altre province e non è mai tornata a Wuhan. Non è infettata dal nuovo coronavirus ed è in buona salute", ha riferito l'Isitituto in una nota ufficiale, dove si aggiunge che "in un momento cruciale della lotta contro l’epidemia, queste ulteriori indiscrezioni false hanno ostacolato il lavoro di ricerca scientifica".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza