cerca CERCA
Domenica 25 Luglio 2021
Aggiornato: 18:05
Temi caldi

Coronavirus, Le Pen: "Teorie complotto? Giusto interrogarsi"

30 marzo 2020 | 13.16
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Foto AFP - AFP

Marine Le Pen ritiene che interrogarsi su una eventuale origine artificiale del Sars-Cov-2 sia "una questione di buon senso" sulla scia dei suoi elettori, che rappresentano lo 'zoccolo duro' di chi, in Francia, sostiene le teorie del complotto secondo cui l'agente patogeno all'origine della pandemia sarebbe stato creato intenzionalmente in laboratorio. Secondo un sondaggio condotto da Ifop per la Fondazione Jean-Jaures e per l'Osservatorio sul cospirazionismo, il 26 per cento dei francesi è disposto a seguire quanto è stato già smentito a livello scientifico, una percentuale che sale al 40 per cento fra chi ha votato Le Pen al primo turno delle elezioni del 2017. 

"Che la gente si ponga delle domande per sapere se questo virus ha origini naturali o se invece è venuto fuori da un laboratorio è una questione di buon senso", ha dichiarato la leader di Rassemblement National, precisando che lei "non ha alcuna opinione" in proposito. "L'origine del virus non ha alcun effetto su quello che stiamo vivendo, non cambia nulla a quello che accade", ha aggiunto. "In democrazia, si ha il diritto di dubitare. Quando si tratta di salute, anche. Dubitare non è reato", ha quindi affermato in una intervista a France Info. 

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza