cerca CERCA
Venerdì 05 Marzo 2021
Aggiornato: 02:38
Temi caldi

Coronavirus Lombardia, 7 varianti in prima ondata

22 gennaio 2021 | 13.40
LETTURA: 1 minuti

"Con importanti cluster locali di trasmissione la cui origine risalirebbe ai primi giorni di febbraio"

alternate text
(Fotogramma/Ipa)
(Adnkronos)

Sette varianti di Covid in Lombardia nella prima ondata. E' quanto mostra uno studio condotto dai ricercatori dell'università Statale di Milano insieme a colleghi dell'ospedale Niguarda e del Policlinico San Matteo di Pavia. Dalla mappatura emerge "la presenza massiccia di ben sette varianti virali, alcune di queste" si sono selezionate "probabilmente all'interno della stessa Regione, altre introdotte da territori dislocati geograficamente in un intervallo temporale ridotto". Lo studio, sostenuto da Fondazione Cariplo e pubblicato su 'Nature Communications', ha permesso il sequenziamento completo di 346 genomi collezionati in tutto il territorio regionale tra febbraio e aprile 2020.

Tre varianti su sette, si legge sullo studio, "hanno subito un'amplificazione tale da consentire la presenza di importanti cluster locali di trasmissione la cui origine risalirebbe ai primi giorni di febbraio. Ciò indica che Sars-CoV-2 circolasse in modo silente in tutto il territorio lombardo già un mese prima del caso diagnosticato in provincia di Lodi". "Grazie a un approccio filogeografico", i ricercatori hanno rilevato inoltre che "la circolazione dei diversi lignaggi si è mostrata fortemente legata al territorio".

"Ciò - concludono - ha portato all'identificazione di almeno due sub-epidemie sostenute da varianti differenti: una preponderante nel sud della Lombardia, con le province di Lodi e Cremona investite maggiormente; l'altra diffusasi principalmente nel nord della Lombardia, con Bergamo e i suoi territori adiacenti (come Alzano e Nembro) maggiormente colpiti".

Lo studio che ha permesso di individuare "la presenza massiccia" di 7 varianti di coronavirus Sars-CoV-2 in tutta la Lombardia nella prima ondata di Covid-19 insegna "l'importanza e la necessità di una sorveglianza epidemiologica continua dei genomi circolanti nel territorio, che possa individuare nell'immediato la selezione e la circolazione di nuove mutazioni, ponendone un freno alla diffusione".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza